LarvaOvCum «This Brutal World» (2020)

Larvaovcum «This Brutal World» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
24.06.2020

 

Visualizzazioni:
150

 

Band:
LarvaOvCum
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di LarvaOvCum

 

Titolo:
This Brutal World

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Tron :: All Instruments;

 

Genere:
Blackmetal Evoluto

 

Durata:
25' 44"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
25.04.2020

 

Etichetta:
Sheep United Nations Productions
[MetalWave] Invia una email a Sheep United Nations Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sheep United Nations Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sheep United Nations Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Sheep United Nations Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Sheep United Nations Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Sheep United Nations Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Da dieci anni sulla scena black metal e politicamente schierata in favore della resistenza, la one man band vicentina dei LarvaOvCum rilascia questa settima uscita della propria carriera tra full lenght ed Ep incentrando ed estremizzando tutto il proprio potenziale su cinque tracce esternando al meglio tutta la propria disperazione. I suoni non sembrano curatissimi stante il fatto che non si tratta di un debutto e, complessivamente, tra sonorità schiette, velocissime e annessi riff taglienti, offrono un quadro compositivo rispettoso. I testi fondano il proprio credo sull’ideologia marxista filosofica dell’alienazione del lavoratore catapultata nell’oscurità del black metal. Tolta l’angosciante intro “This Brutal World I”, parte violentissima “Multiculturalism Is An Istance Of Capitalism”, un brano incentrato sulla velocità ma che non pare molto vario nei contenuti eccezion fatta per qualche stacco; strana ma efficiente è invece “This Brutal World II”, brano che miscela oltre che veloci ritmiche anche sottofondi quasi più industrial che ci conduce all’altra nuova scheggia impazzita di “Jester Of Nihilism” in cui ancora una volta si ha un’ottima demoniaca interpretazione dei un clean scream rauco e infestato di male; conclude il disco “The Artist”, dove un’apertura malinconica trae in inganno rispetto alla potenza che impervia per l’intera durata del brano. Il lavoro è molto intenso nei contenuti, quasi assente melodia e parti acustiche che degenerano in favore di sfuriate con annessi stacchi non troppo fantasiosi ma nel complesso apprezzabili nei contenuti.

Track by Track
  1. This Brutal World I S.V.
  2. Multiculturalism is an istance of capitalism 60
  3. This Brutal World II 60
  4. Jester of Nihilism 65
  5. The Artist 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
65

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 24.06.2020. Articolo letto 150 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.