Zeistencroix «Gen Z» (2019)

Zeistencroix «Gen Z» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
21.06.2020

 

Visualizzazioni:
131

 

Band:
Zeistencroix
[MetalWave] Invia una email a Zeistencroix [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Zeistencroix [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Zeistencroix [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Zeistencroix

 

Titolo:
Gen Z

 

Nazione:
U.s.a.

 

Formazione:
- Orlando OD Draven :: Vocals, songwriter;
- Santi Rivillas :: drummer;
- AKO :: guitars;

 

Genere:
Industrial / Post Industrial

 

Durata:
43' 36"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
01.10.2019

 

Etichetta:
Sliptrick Records
[MetalWave] Invia una email a Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sliptrick Records

 

Distribuzione:
Dead Pulse
[MetalWave] Invia una email a Dead Pulse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Dead Pulse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dead Pulse

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Strano ma non affatto scontato il post industrial metal degli americani Zeinsteincroix, debuttanti con questo “Gen X”, un disco di circa quarantacinque minuti di ascolto, preceduto da un Ep nell’anno 2017 che rivendica al meglio tutta la forza che la band riesce a sfornare tra distorti, elettronica e modernità. Il trio si rende protagonista di undici brani, alcuni dei quali resi particolari da numerosissime parti melodiche, quasi inedite per band che suonano un genere come questo. Ovviamente ciò non ha la prevalenza sul disco che sostanzialmente si sostanzia in ritmiche moderne, semplici e ricche di particolari effetti. Il clean si caratterizza per la propria capacità di variare tra effetti e naturalezza ben realizzandosi tra le strane e spesso avvincenti melodie. Le tracce indubbiamente che rendono meglio il tutto ricadono su “Wake Up” e su “Kanji” forti della vera espressività che la band riesce in maniera compiuta a trasmettere; non mancano anche momenti più caratteristici diciamo in cui emerge, come sopra detto tutta la carica esplosiva come nel caso di “ Flanne Prophet”, un brano molto metal, un po’ alla Slipknot ma deciso e determinato; che dire poi dell’acustica “ Far Away”, una vera poesia che non tarda a conquistare i più scettici. Un album interessante, diverso e diretto ricco di personalità ed adatto ad ogni tipologia di ascoltatore.

Track by Track
  1. Boom 70
  2. Sick 70
  3. Wake Up 80
  4. Dub 70
  5. Myself 75
  6. Kanji 80
  7. Mr.K 70
  8. Fallen Prophet 75
  9. Blame 75
  10. Naked 70
  11. Far Away 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 21.06.2020. Articolo letto 131 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.