Shaula «The Lurking Cosmos» (2020)

Shaula «The Lurking Cosmos» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
30.05.2020

 

Visualizzazioni:
194

 

Band:
Shaula
[MetalWave] Invia una email a Shaula [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Shaula [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Shaula [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Shaula

 

Titolo:
The Lurking Cosmos

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Edoardo Di Santo :: All instruments, Vocals
Luca Conte :: Guitars, Bass, FX

 

Genere:
Blackened Death Metal

 

Durata:
42' 25"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
28.04.2020

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gli Shaula sono un progetto solista di Augur Veii dei Voltumna, relativamente nota band Death/Black metal nostrana, che con questo primo full length di 42 minuti insiste su questo tipo di sonorità Death/Black Metal, ma vi aggiunge una sostanziale quantità di atmosfera dettata da suoni ritualistici, chitarre acustiche e soluzioni inusuali non molto diverse da certi Necros Christos, per un risultato interessante e anche molto evocativo, espresso dalla massiccia opener “The mound” e il cui livello è confermato da brani come l’arcigna “The lightless realm” o l’aggressiva “Visions in clay”, ma complessivamente è il bilanciamento di queste due componenti del sound a riuscire bene e a svettare, semmai a cui si aggiungono qua e là diverse ulteriori influenze, come la disarmonia di “Beyond the spheres” o il groove mellifluo di “Mutation and madness”. Solo poche volte gli Shaula mostrano un po’ il lato debole con riffs banalotti come quelli di “Antecedent and horror”, ma per fortuna non è una cosa che si sente spesso.
Insomma: “The lurking cosmos” non è solo un side project dei Voltumna, è un gruppo che brilla di luce propria e non riflessa, e che addirittura per me va a superare di poco il livello della band madre, in quanto più tipicamente metal e dal sound nefasto e meno atmosferico. Come una versione più tirata e veloce dei Necros Christos. Se il death arcigno e malvagio è ciò che cercate, il primo degli Shaula è un bell’acquisto discografico, secondo me.

Track by Track
  1. Waves within - Intro S.V.
  2. The mound 75
  3. Antecedent and horror 65
  4. The lightless realm 75
  5. Antares - Intermezzo S.V.
  6. Visions in clay 80
  7. Search and evocation 75
  8. Mutation and madness 80
  9. Beyond the spheres 75
  10. Through the land of shadows 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 30.05.2020. Articolo letto 194 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.