S.I.D. «Architects Of Armageddon» (2019)

S.i.d. «Architects Of Armageddon» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Led »

 

Recensione Pubblicata il:
20.05.2020

 

Visualizzazioni:
456

 

Band:
S.I.D.
[MetalWave] Invia una email a S.I.D. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di S.I.D. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di S.I.D. [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di S.I.D.

 

Titolo:
Architects Of Armageddon

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Pikkio: drummer
Ikea :guitar-sampler
F: voice-guitar-synth

 

Genere:
Doom Metal

 

Durata:
42' 0"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
21.12.2019

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Cinquanta minuti circa di buon Doom Metal direttamente da Macerata quello proposto dai S.I.D. con la nuova autoproduzione e che prende il titolo di "Architects Of Armageddon".
Un viaggio di passione e impegno che lascia senz’altro trasparire una capacità di scrittura interessante ma soprattutto accessibile ai seguaci ancora esistenti della suddetta corrente musicale. La semplicità a regnare come indiscussa sovrana, intrigante e cingente dentro una particolare spirale fatta di suoni corposi, scuri e all'occorrenza aggressivi. "Architects Of Armageddon" arriva con una bella dose di adrenalina che colpisce con quella maniera travolgente che lascia il segno, come un pugno nello stomaco , di quelli che ne vorresti ancora e poi ancora.
Nota di merito alla "nebulosa" produzione, componente che lascia fluire le note in modo increspato ma vero (il “tiro” non manca di certo, potrei definirla a mio modo come sorda e graffiante), alimentando di fatto una sensazione d’autenticità sempre meno riscontrabile nei prodotti di questi frenetici tempi.
Alla fine dei conti un disco che più gira e più piace. Piacciono senz’altro i suoni, piace (e non poco) quella voce decisa e carica di "pathos Doom", il tiro ci viene insomma scagliato contro con ragguardevole naturalezza, tanto che ci troveremo inconsciamente a richiedere nuovi minuti arrivati alla conclusione.
Non si può dire molto altro al momento, i brani sono davvero "l’ideale" (basterebbe l’opener "Survival City", non a caso messa all’inizio, per appagare l’entusiasmo, ma fare torti alle altre sarebbe un vero peccato) e non possono far altro che portarvi alla ricerca di questo "Architects Of Armageddon", perché in fondo si spera ci sia sempre spazio per le piccole realtà e relative piccole perle.

Track by Track
  1. Survival City 70
  2. Decontamination 65
  3. Fall Out Room 70
  4. In Visit Of A Death Place 65
  5. Morning Sun 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
66

 

Recensione di Led » pubblicata il 20.05.2020. Articolo letto 456 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.