Koza Noztra «Sancta Delicta - Atto II» (2019)

Koza Noztra «Sancta Delicta - Atto Ii» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
27.04.2020

 

Visualizzazioni:
236

 

Band:
Koza Noztra
[MetalWave] Invia una email a Koza Noztra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Koza Noztra

 

Titolo:
Sancta Delicta - Atto II

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Recupero Crediti :: Guitars
Il Diacono :: Guitars
L'Onorevole :: Vocals
Calibro 9 :: Bass
Il Trafficante :: Drums
L'Annunciatrice :: Vocals

 

Genere:
Heavy Metal

 

Durata:
33' 48"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
10.11.2019

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mazzarella Press Office
[MetalWave] Invia una email a Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mazzarella Press Office

 

Recensione

Discreto e nulla più questo nuovo album dei nostrani Koza Noztra, una band che suona più rock che heavy metal, e che non so se va giudicato come un Ep postumo (la band aveva annunciato che si sarebbe sciolta nel 2018) o una volontaria contraddizione. Non ci riguarda neanche più di tanto.
Ciò che so è che comunque sia “Sancta Delicta Atto II” suona un po’ svogliato e che va al risparmio, proponendo una release che suona un po’ come in precedenza ma in maniera meno efficace, dove i brani pur non suonando male non riescono a suonare cattivi e over the top come la band vuole fare nelle proprie tematiche, limitandosi a un groove un po’ innocuo nell’opener “Tempo di crisi”, oppure a una “La valle dei morti” simpatica ma anche che suona poco personale, con l’unico vero episodio positivo dato da “Illuminata/Magia nera”, un brano dove la base strumentale riesce a suonare più potente e definita, per un risultato che riesce a farsi notare come si deve, ma è anche un fuoco di paglia, perché da qui in poi c’è solo spazio per una “Stato d’assedio” sottotono, una “Requiem” strumentale e un outro conclusivo. E il disco finisce così, non molto convincente e con solo 5 brani 100% made in Koza Noztra, visto che il brano “Koza Noztra” e “Requiem” sono ispirati ad altri brani (vedansi credits dell’album).
Come detto, non so se “Sancta delicta Atto II” è un disco postumo oppure la band gioca a dire di doversi sciogliere ma poi non lo fa, ma so che questo Ep suona caduco e con un po’ di smalto perso. Proiettile a salve.

Track by Track
  1. Tempo di crisi 60
  2. Koza Noztra 65
  3. Essi vivono 60
  4. La valle dei morti 60
  5. Illuminata - Magia nera 70
  6. Stato d'assedio 55
  7. Requiem (in un battito di ciglia) - Instrumental S.V.
  8. Coro delle ausiliarie - Outro S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
62

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 27.04.2020. Articolo letto 236 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.