Suum «Cryptomass» (2020)

Suum «Cryptomass» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
14.04.2020

 

Visualizzazioni:
708

 

Band:
Suum
[MetalWave] Invia una email a Suum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Suum [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Suum

 

Titolo:
Cryptomass

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Mark Wolf :: Vox;
- Painkiller :: Guitars;
- Joe Grave :: Bass;
- Fed Kemper :: Drums;

 

Genere:
Doom Metal

 

Durata:
55' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
14.02.2020

 

Etichetta:
Seeing Red Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Seeing Red Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Seeing Red Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Seeing Red Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Seeing Red Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Il progetto capitolino dei Suum, band doom metal nata come collaborazione tra le radicate realtà di Bretus e Fangtooth, rilascia questo interessante lavoro intitolato “Cryptomass”, un disco a nove tracce di ipnotico doom metal vecchio stampo e in parte ispirato a realtà nord europee con la differenza che, al di là di una certa classe nell’esprimersi sotto un profilo compositivo, riesce a personalizzare non poco il lavoro. Ed è proprio questo se vogliamo la parte sostanziale che va a ripercuotersi tre le lente note e i vortici pregni di agonia e di oscurità dove la band apporta sia attraverso il suonato che il cantato la propria visione sferzando il tutto di tanto in tanto con l’inserimento di molte parti melodiche e di lead solo. Interessante l’apertura di “Cryptomass” per l’intensità che subito travolge tra disporti ed andature laviche; un arpeggio distorto apre “The Silence Of Agony” brano in cui emerge al meglio la vena espressiva della band anche sotto l’aspetto del cantato; non male anche la tetra e oscura “Funeral Circle” ma ancora la ritmica ondeggiante di “The Failure Of Creation”, brano questi cui la band ancora una volta tende a rompere gli schemi interpretando in maniera del tutto personale questa branca del metal; non male neanche la conclusiva “Reaper Looks In Your Eyes” nuovo modo di omaggiare il genere, al punto da offrire elementi che non allontanano mai l’attenzione dell’ascoltatore dinanzi a quell’ incredibile simmetria che tra suoni, distorti ed espressività offrono una tipologia diversa rispetto al comune e classico modo di suonare.

Track by Track
  1. Cryptomass 75
  2. The Silence of Agony 75
  3. Creatures from the Vault 70
  4. Funeral Circle 75
  5. Burial at Night 70
  6. The Failure of Creation 75
  7. Mass in the Catacomb S.V.
  8. Claws of Evil 75
  9. Reaper Looks In Your Eyes 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 14.04.2020. Articolo letto 708 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.