Atavisma / Void Rot «Split» (2020)

Atavisma / Void Rot «Split» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
31.03.2020

 

Visualizzazioni:
198

 

Band:
Atavisma / Void Rot

 

Titolo:
Split

 

Nazione:
Francia / U.s.a.

 

Formazione:
ATAVISMA:
L. :: Vocals, Lyrics
G. :: Guitars, Lyrics
J.B. :: Bass
G.D. :: Drums

VOID ROT:
John Hancock :: Guitars, Vocals
Kent Sklarow :: Guitars
Will Bell :: Drums
Craig Clemons :: Bass

 

Genere:
Death / Doom

 

Durata:
31' 24"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
07.02.2020

 

Etichetta:
Everlasting Spew Records
[MetalWave] Invia una email a Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Everlasting Spew Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Everlasting Spew Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Buono split di raccordo all’insegna del Death/Doom per queste due bands, ovvero gli Atavisma da Parigi e i Void Rot da Minneapolis, Minnesota, ciascuna delle bands con 3 brani a testa e pubblicato dalla nostrana Everlasting Spew Records. Entrambe le bands ci propongono un Death/Doom ben registrato e pulito nei suoni, ma fortunatamente anche molto old school e marcio, che evita eccessive modernerie o saturazioni del sound.
E devo dire che nel duello tra queste due bands, sono gli Atavisma a vincere, con un sound che stilisticamente alterna perfettamente delle fughe death metal minimali ma aggressive e violente ad altre molto più doom e asfittiche, per un risultato effettivamente molto in stile Incantation e che centra l’obiettivo anche con sonorità più complesse, come in “Dread”, anche se considero “Mold upheaval” la migliore dei tre brani per un soffio. Non male anche i Void Rot, che invece prediligono sonorità sempre medio-lente sempre combinate alla malattia del death metal, per un tocco old school e molto più marcio, che ha l’unico difetto di essere il frutto di una band buona ma in divenire, con la sola “Accursed earth” a ruggire per davvero, mentre “Ritual invocation” è perlopiù un intro suonato, e “Necrotic deity” colpisce più che altro nella seconda parte, visto che all’inizio il brano suona (ovviamente involotariamente) molto simile a “Chainsaw demons return” dei Bestial Mockery.
Insomma: ben promossi gli Atavisma, e non male i Void Rot, che hanno la sola colpa di non suonare così originali, ma entrambe queste bands convincono. Se il death old school e il doom associato al metal estremo è il vostro genere musicale, questo split merita come minimo una possibilità di ascolto.

Track by Track
  1. Atavisma – Speared lungs 70
  2. Atavisma – Mold upheaval 80
  3. Atavisma – Dread 75
  4. Void Rot – Ritual invocation 65
  5. Void Rot – Necrotic deity 70
  6. Void Rot – Accursed earth 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 31.03.2020. Articolo letto 198 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.