Javarnanda «Mysteries of the Unknown» (2019)

Javarnanda «Mysteries Of The Unknown» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
31.03.2020

 

Visualizzazioni:
178

 

Band:
Javarnanda
[MetalWave] Invia una email a Javarnanda [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Javarnanda [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Javarnanda

 

Titolo:
Mysteries of the Unknown

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Filippo Politi :: All instruments

 

Genere:
Electronic / Synthwave / Funk

 

Durata:
56' 4"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
31.10.2019

 

Etichetta:
Sunlover Records
[MetalWave] Invia una email a Sunlover Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sunlover Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sunlover Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

A volte capita qui a Metalwave di dover recensire dischi molto lontani dai generi che usiamo trattare, ma questo è uno dei casi di musica meno compatibile di tutte: Javarnanda infatti propone synthwave e questo “Mystery of the unknown” è il proprio quarto album.
In cosa consiste? In dei soundscapes di tastiera totalmente estranei al rock o al metal, dove certamente qua e là si sente una chitarra elettrica, ma che sono orientati verso musica come il funk della opener “Dracula”, l’introspezione da colonna sonora di “Classified” o il mood oscuro di “The boogeyman” o alla disco orientale di “Dragon”, il tutto per un risultato apprezzabile e perfino con qualche mood interessante, come quello alla Depeche Mode di brani come “Medusa” o quello evocativo di “Antarctica”.
Questo è “Mystery of the unknown”: un disco globalmente riuscito e apprezzabile, ma estraneo di fatto a ciò che trattiamo su queste pagine, non male ma di fatto che non ha certo la sua fascia maggiore di pubblico qui. Consigliabile a chi tra i metalheads non disdegna puntate più electro, ma per il resto se questo tipo di musica non v’interessa, passate pure oltre.

Track by Track
  1. Dracula 65
  2. The boogeyman 65
  3. Classified 70
  4. Dragon 65
  5. Medusa 70
  6. Fear 65
  7. Curse 65
  8. Antarctica 70
  9. Dracula (Instrumental) S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
67

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 31.03.2020. Articolo letto 178 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.