Infernal Angels «Devourer Of God From The Void» (2020)

Infernal Angels «Devourer Of God From The Void» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
29.03.2020

 

Visualizzazioni:
347

 

Band:
Infernal Angels
[MetalWave] Invia una email a Infernal Angels [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Infernal Angels [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Infernal Angels

 

Titolo:
Devourer Of God From The Void

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
XeS :: Vocals;
Apsychos :: Guitars;
Nekroshadow :: Guitars;
VrK :: Bass;
Bestia :: Drums;

 

Genere:
Black Metal

 

Durata:
1h 16' 34"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
28.02.2020

 

Etichetta:
My Kingdom Music
[MetalWave] Invia una email a My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di My Kingdom Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di My Kingdom Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Sulla scena black metal nazionale sin dal 2002 riornano con il quinto album della propria carriera gli Infernal Angels in cui la furia cieca della band viene proiettata su 11 tracce tirate anche sin troppo a lustro di questo “Devourer Of God From The Void”; la band come oramai nella propria miglior tradizione, si ispira ai nefasti delle band svedesi degli anni ’90 offrendo comunque, come per chi li conosce, il proprio marchio. La rabbia attraverso l’ascolto delle tracce è veramente molta anche se di tanto in tanto non manca qualche passaggio più atmosferico reso con un suono parecchio grezzo e ruvido che non contestualizza al massimo la resa dello scream; i costanti blast beat della batteria a cui vengono consentite poche pause, non apportano una variazione ritmica di rilievo mantenendosi prettamente serrati e costanti nella resa. Da segnalare inoltre anche il contributo dato come special guests da Hellhound degli Ad Noctem Funeriis/Vajass e Discissus dai Necandi Homines in due diverse tracce. Probabilmente una produzione più consona al lavoro avrebbe consentito datto maggiore evidenza al tutto sia alle linee cantate che anche agli arrangiamenti che, come già sopra accennato paiono abbastanza ruvidi al punto da non offrire la valenza effettiva che in effetti il disco racchiude in sé.

Track by Track
  1. The Light Of Lucifer 65
  2. The Eternal Fire Of Golachab 65
  3. From The Throne Of Thaumiel 70
  4. Those Who Go Forth Into The Empty Place Of God 65
  5. Ancient Serpent Of Chaos 65
  6. Thagirion Sol Niger (feat. Hellhound) 70
  7. Devourer Of God From The Void 65
  8. The Corrosive One 65
  9. Far From The Light Of God 70
  10. Empress Of Sitra Achra 70
  11. The Foremost Among The Eleven (feat. Discissus) 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 60
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
67

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 29.03.2020. Articolo letto 347 volte.

 

Articoli Correlati

News
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.