Ibridi «Hollow Empire» (2019)

Ibridi «Hollow Empire» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
25.03.2020

 

Visualizzazioni:
177

 

Band:
Ibridi
[MetalWave] Invia una email a Ibridi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ibridi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Ibridi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Ibridi [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Ibridi

 

Titolo:
Hollow Empire

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Motty Ramone - voce
Simone Iovine - chitarre synth
Mattia Di Scala - chitarre
Danilo Florio - percussioni

 

Genere:
Melodic Post-Metalcore

 

Durata:
24' 50"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
31.10.2019

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Non male il secondo Ep degli Ibridi, band alternative/metalcore proveniente da Ischia, e che con quello “Hollow empire” ci propone quasi 25 minuti di una musica sufficientemente variopinta, in cui le due influenze si alternano in una maniera avvincente in tutto il corso di questa release, che viene accompagnata da una voce un po’ più roca e bassa e che tende a evitare l’assoluta pulizia cristallina vocale che normalmente contraddistingue i dischi di questo genere.
Ed è il trio di brani d’apertura a farsi segnalare in positivo, con una “Let me drown” che mescola perfettamente grooves alternative con il metalcore, a cui poi si accompagnano tocchi più Post in “get out”, con risultante buona variazione delle atmosfere all’interno di questo brano, per arrivare ad un maggiore lirismo in “Too late”. Forse in questo brano è possibile notare come la qualità sonora tiene un po’ troppo conto della voce e sacrifica tutti gli strumenti più pesanti, ma comunque non ci lamentiamo, visto che comunque la voce fa molto del lavoro per tenere su tutto, con tanto di episodio corale dato da “breaking me down”. Il tutto dunque per un risultato abbastanza positivo, forse consigliabile più agli amanti dell’alternative che ai metalhead sensu stricto, ma anche così non ci possiamo lamentare. Se questo connubio di generi è il vostro stile musicale, date una chance a questa band.

Track by Track
  1. Intro S.V.
  2. Let me drown 70
  3. Get out 70
  4. Too late 70
  5. Hell before my eyes 65
  6. Breaking me down 70
  7. Apnea 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 25.03.2020. Articolo letto 177 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.