Ghost on Mars «Lost Signals» (2019)

Ghost On Mars «Lost Signals» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
15.03.2020

 

Visualizzazioni:
442

 

Band:
Ghost on Mars
[MetalWave] Invia una email a Ghost on Mars [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ghost on Mars [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Ghost on Mars [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Ghost on Mars

 

Titolo:
Lost Signals

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Moreno Sangermano :: voice;
- Fabio Valentini :: guitar;
- Andrea Mataloni :: lead guitar;
- Valerio Lippera :: bass;
- Andrea Alberati :: drums;

 

Genere:
Progressive Metal

 

Durata:
25' 18"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2019

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Bello ed intenso è questo Ep dei capitolini Ghost On Mars, band melodic dark metal autrice di cinque tracce ricche di oscure melodie, espressività e quanto di meglio si possa ricercare per questo genere. La band forte di cinque elementi, riesce a forgiare melodie dai tratti quasi ipnotici in cui l’espressività del clean, coadiuvato anche da scenari strutturali quasi desolanti, offre all’ascoltatore uno squarcio al di fuori della realtà in cui poter riversare tutte le proprie angosce, ansie e malumori. Azzardando paragoni l’ascolto di questo “Lost Signals” vengono in mente i britannici Paradise Lost e Novembre tanto per restare in patria. I suoni decisamente puliti del lavoro danno buona prova del tutto a cominciare da “The Black Rose” in cui l’oscurità la fa da padrona per generare uno scenario tutto ascoltare e meditare; segue “Lost Signal” dove la band forgia, sempre nell’oscurità, una ritmica più spinta rispetto al precedente brano e antepone l’ottima musicalità ad ogni altro elemento; non male neanche il riff con annesso effetto e la compattezza ritmica di “That Time I Saw The Moon” altra buona prova e forte di una nuova ritmica sobria ma allo stesso tempo spumeggiante nei contenuti; è poi la volta della malinconica e desolante “Behind The Sun” forte di una intuitiva struttura miscelata tra suoni acustici e distorti; “From The Darkness” chiude l’Ep per darci un’altra prova della buona capacità di questa band sia per intuizione, personalità e assoluto buon gusto.

Track by Track
  1. The Black Rose 75
  2. Lost Signal 80
  3. That Time I Saw The Moon 75
  4. Behind The Sun 80
  5. From The Darkness 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 15.03.2020. Articolo letto 442 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.