Confess «Burn 'Em all» (2020)

Confess «Burn 'em All» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
15.03.2020

 

Visualizzazioni:
290

 

Band:
Confess
[MetalWave] Invia una email a Confess [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Confess [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Confess [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Confess [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Confess [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Confess

 

Titolo:
Burn 'Em all

 

Nazione:
Svezia

 

Formazione:
- John Elliot :: Vox;
- Samael :: Drums;
- Ludwig :: Bass;
- Blomman :: Guitar;
- Pontus :: Guitar;

 

Genere:
Hard Rock / Metal

 

Durata:
38' 28"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
28.02.2020

 

Etichetta:
Street Symphonies Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Street Symphonies Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Street Symphonies Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Street Symphonies Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Street Symphonies Records
Burning Minds Music Group
[MetalWave] Invia una email a Burning Minds Music Group [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Burning Minds Music Group

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Atomic Stuff
[MetalWave] Invia una email a Atomic Stuff [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Atomic Stuff

 

Recensione

Gli Sleeze Rock svedesi Confess tornano sulla scena undergrond mondiale con questo strepitoso lavoro intitolato “Burn ‘Em All”, un disco che sinceramente mancava da parecchio sulla scena underground tenendo conto del calibro e del potenziale di questa band già dimostratoci con l’uscita del precedente lavoro “Haunters” risalente al 2017. La band, forte dell’ispirazione strutturale riconducibile a Crazy Lixx, Guns’n’ Roses, Motley Crue e immancabilmente Steel Panther, offre 11 tracce martellanti di heavy hard rock di assoluto rispetto tra riff e ritmiche sorprendentemente e divertenti, il tutto coadiuvato da un ottimo clean espressivo alla massima potenza. Le avvincenti melodie si ripercuotono per quasi quaranta minuti di ascolto a cominciare dalla tiratissima “So What?” un hard rock divertente alla Motley Crue che ci catapulta sul trascinante riff di “Malleus”, un brano quasi glam anni ’80 di puro divertimento; seguono poi “Welcome Insanity” e “Beautiful Mind” due brani diversi dove il primo pare molto più contenuto rispetto ai precedenti e pare un po’ oscuro e malinconico nella proposta mentre il secondo un po’ alla Ozzy Osbourne metà anni ’90; ancora da segnalare la divertentissima “ Burn’Em All” che ti spazza via con un colpo di vento tra riff e velocità; anche “My Vicious Way” e “509” si mantengono sulla stessa intensità offrendo energia e divertimento senza mezzi termini al pari anche dell’ultima “ One For The Road” altro brano dalle sembianze un po’ oscure ma pur sempre ricco di iniziative. Il lavoro è divertente e traccia dopo traccia lascia ben intuire l’estro indiscussa di questa band, carico di forza e di energia.

Track by Track
  1. So What? 80
  2. Malleus 80
  3. Welcome Insanity 75
  4. A Beautiful Mind 75
  5. Heresy 75
  6. Burn 'em All 80
  7. Is It Love 80
  8. My Vicious Way 75
  9. 509 80
  10. Prominence 75
  11. One For The Road 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 15.03.2020. Articolo letto 290 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.