Alessandro Sparacia «Endless» (2019)

Alessandro Sparacia «Endless» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
22.02.2020

 

Visualizzazioni:
488

 

Band:
Alessandro Sparacia
[MetalWave] Invia una email a Alessandro Sparacia [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Alessandro Sparacia

 

Titolo:
Endless

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Alessandro Sparacia :: Guitars, Bass, Piano, keys, drums, vocals
Cesare Verdacchi :: Guest voice

 

Genere:
Progressive Metal / Classic Metal / Instrumental

 

Durata:
35' 1"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
28.06.2019

 

Etichetta:
Volcano Records
[MetalWave] Invia una email a Volcano Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Volcano Promotion
[MetalWave] Invia una email a Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Promotion

 

Recensione

Carino ma con possibili potenziamenti, questo è “Endless” di Alessandro Sparacia, il terzo album della sua musica solista, definibile a grandi linee come prog metal, per un risultato come detto non male, ma anche abbastanza debitore a certi Dream Theater e rifinito molto in certi strumenti, ma non in altri, difetto tipico di questo tipo di album.
È il primo vero brano, “Passion” a dirci la verità su questo disco, che ci propone un brano strumentale (come la maggior parte di questo disco) ben fatto a livello chitarristico e di pianoforte, ma dove gli altri strumenti hanno suoni meno riusciti, dai volumi un po’ strani come la batteria coi piatti troppo alti e certe tastiere uscite male coi suoni. Questo è più o meno il leit motif del disco, coadiuvato da influenze tipo Dream Theater di brani come “Madness” e “Rage”, che lambisce sonorità più tipicamente metal e up tempo. La summa compositiva è data da “Courage”, dove le influenze musicali sono ben ripartite e amalgamate, nonché funzionanti alla perfezione, nonostante i volumi e i suoni degli altri strumenti coi difetti suddetti.
Insomma: “Endless” è un lavoro solista, e come molti dei lavori solisti underground patisce alcuni problemi tipici, come la qualità sonora migliorabile e gli strumenti non del frontman che a volte usano arrangiamenti fin troppo che vanno sul sicuro, stando in secondo piano, senza contare una tangibile ma arginabile mancanza di originalità. Il sound c’è, occorre solo ottimizzarne il contesto.

Track by Track
  1. Vibration - Intro S.V.
  2. Passion 70
  3. Madness 65
  4. Rage 70
  5. Awareness - Intermezzo S.V.
  6. Courage 75
  7. Endless 70
  8. Tender embrace - Outro S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 22.02.2020. Articolo letto 488 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.