Oniromantic «Chaos Frames» (2020)

Oniromantic «Chaos Frames» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
15.02.2020

 

Visualizzazioni:
1067

 

Band:
Oniromantic
[MetalWave] Invia una email a Oniromantic [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Oniromantic [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Oniromantic [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Oniromantic [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Oniromantic

 

Titolo:
Chaos Frames

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Andy Soresina :: guitars, programming;
- Marco Dugnani :: guitars;
- Elia Fagnani :: bass;
- Mattia Sciutti :: drums;
- Mauro Mazzara :: vocals;

 

Genere:
Heavy / Gothic / Doom

 

Durata:
49' 10"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
17.01.2020

 

Etichetta:
Buil2kill Records
[MetalWave] Invia una email a Buil2kill Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Buil2kill Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Buil2kill Records

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe

 

Agenzia di Promozione:
Nadir Promotion
[MetalWave] Invia una email a Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nadir Promotion

 

Recensione

I milanesi Oniromantic rilasciano questo terzo lavoro discografico intitolato “Chaos Frames”, un disco che racchiude l’oramai consolidato stile della band disposto in un mix di doom, dark e gothic. L’album caratterizza i propri contenuti su otto tracce proponendosi in maniera decisamente oscura e malinconica a cagione sia del portamento dei brani ma soprattutto dal triste ed espressivo clean che contestualizza un po’ il tutto fin troppo sul tenebroso e sul drammatico; detta condizione in ogni caso influisce nel formulare una resa parecchio impostata rispetto a quello che potrebbe offrire nella propria più completa naturalezza. Musicalmente il disco offre una chiara ed ineludibile vena compositiva forte anche della buona intesa tra il piano e le chitarre che ben sviluppano in sintonia sonorità e idee valide dall’effetto piuttosto emotivi; in ogni caso nel corso dei ripetuti ascolti, l’intesa or ora richiamata lascia un po’ troppo tutto sullo stesso livello, senza eccessivi sbalzi emotivi e con un assetto che, pur essendo piacevole all’ascolto, non decolla e rimane sin parecchio statico nei contenuti. Il lavoro, stante l’impegno della band non si distacca poi troppo dal precedente lavoro e dimostra in sostanza di essere quasi la sua prosecuzione. Tirando le somme, e dando una positiva valutazione alle idee, sarebbe probabilmente opportuno dare maggiore impulsività e offrire un’espressività più naturale che, se unificate, avrebbero indubbiamente portato ad un disco di maggior spessore e coinvolgimento.

Track by Track
  1. Saturn 65
  2. Beautiful Chaos 65
  3. December 60
  4. B-Side 60
  5. Colourless 65
  6. Along 65
  7. The Cable 65
  8. The Maze 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
65

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 15.02.2020. Articolo letto 1067 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.