Grave-T «Silent Water» (2019)

Grave-t «Silent Water» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
12.01.2020

 

Visualizzazioni:
115

 

Band:
Grave-T
[MetalWave] Invia una email a Grave-T [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grave-T

 

Titolo:
Silent Water

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Marco Magnani - Vocals
Nick Diamon - Guitars
Alex - Bass
Pappa - Drum

 

Genere:
Alternative Metal Rock

 

Durata:
45' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2019

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mazzarella Press Office
[MetalWave] Invia una email a Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mazzarella Press Office

 

Recensione

I torinesi Grave T fanno il loro esordio con un disco dalla copertina estremamente bella e facilmente distinguibile.
Lo stile proposto si presenta, a loro dire, come un alternative metal, ma dopo il primo ascolto troverete facilmente traccia di stoner e progressive. Tutto questo può significare solo una cosa: o li amerete o li odierete.
Abbiamo davanti ben dieci canzoni quindi diamoci da fare e cerchiamo di capire a quale fazione apparteniamo.
Si parte prepotentemente con Bloody Fountain, mi ha ricordato i Faith No More, forse più per il cantato, comunque trattasi di un pezzo particolare sviluppato su diversi tempi; Greve T Wonder è più veloce e aggressiva, non lascia tempo di fiatare.
Two good sisters è rabbiosa, forse un pò confusa e poco godibile, per questo la ritengo la più debole dell’album;discorso quasi analogo per Sick, la quale non spicca per originalità, paradossalmente statica su questo percorso così energico.
Silent water è probabilmente il brano migliore ascoltato sino ad ora, ogni strumento trova il suo spazio e la dinamica in generale è apprezzabile.
Blue whale ha un sound anni ’80-’90 e sembra possedere un buon potenziale, ma ancora manca qualcosa che lasci il segno in maniera significativa.
Human Impact è pesante, talmente irosa da risultare ripetitiva; fortunatamente Viper si rivela più interessante e meno dispersiva, a tratti si accosta al dark.
Con Maiden ci spostiamo su sonorità che ammiccano al blues, ma si fanno contaminare da un rock finto grezzo e il tutto viene esaltato da una buona interpretazione vocale: una chicca, davvero.
Arriviamo alla conclusione del disco attraverso le note di Era Horizon, traccia che piacerà a coloro che privilegiano un metal graffiante con effetti tipo screaming e batteria che picchia prepotentemente.
La musica dei Grave T non è proprio per tutti, ma solo per chi ama quel genere di potenza esplosiva senza sosta.
Le chitarre sono il punto di forza di questa band perché sono suonate con una tecnica notevole, anche la voce di Marco in determinati momenti offre un’espressività e smuove emozioni (per lo più tanta rabbia) che non lasciano indifferenti.
In generale, Silent Water non è una brutta opera e va ascoltata nel momento giusto, tuttavia ho trovato alcuni momenti un pò banali e la noia era dietro l’angolo.
Un disco da avere se siete amanti del genere, altrimenti si può evitare.

Track by Track
  1. Bloody fountain 65
  2. Grave T Wonder 60
  3. Two good sisters 50
  4. Sick 55
  5. Silent water 70
  6. Blue whale 60
  7. Human impact 50
  8. Viper 65
  9. Maiden 70
  10. Era horizon 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
63

 

Recensione di reira » pubblicata il 12.01.2020. Articolo letto 115 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.