Blackwood «Of Flies» (2019)

Blackwood «Of Flies» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
07.01.2020

 

Visualizzazioni:
144

 

Band:
Blackwood
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Blackwood [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Blackwood

 

Titolo:
Of Flies

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Eraldo Bernocchi :: All intruments, drone;

 

Genere:
Blackened Doom / Drone

 

Durata:
20' 12"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
01.11.2019

 

Etichetta:
Subsound Records
[MetalWave] Invia una email a Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Subsound Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Subsound Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Purple Sage PR
[MetalWave] Invia una email a Purple Sage PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Purple Sage PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Purple Sage PR

 

Recensione

A distanza di due anni dal debutto torna il progetto Blackwood, one man band di Eraldo Bernocchi, questa volta con un Ep di tre brani intitolata “Of Flies” e diversificata per la presenza di due guest vocali nelle persone di Emiliana Moncayo cantante dei Miniponi e Stefania Alos Pedretti degli Ovo. L’Ep, un lavoro di tre brani doom dub industrial, si caratterizza per sonorità lente ed opache in cui le strazianti presenze tra growl e parole in assetto dub pop con annesse evocazioni vocali, offrono un quadro assai delirante. Echi, sonorità disperse, ed uno stillicidio ritmico lento, distendono un tappeto compositivo misto di elettronica, effetti, oscurità di rilevante fattezza creativa. “Of Flies” incentra il proprio potenziale nello straziante growl e nel parlato su una base dicevamo all’inizio doom dub ma anche industrial da ascoltare e apprezzare per l’effetto delirio; segue poi “Seclusion” in cui l’elettronica drone prende il sopravvento ma rilasciando un effetto misterioso anche per l’inaspettato che va a caratterizzarlo tra parole e spezzoni estrapolati; è poi la volta del conclusivo “Intraworld”, altro scenario doom blackened drone caratteristico dell’autore, un vortice sonoro ripetuto all’infinito dove si hanno estratti vocali tratti da cerimonie sacre esorcizzate e alterate per mutare in tutt’altro con esiti indescrivibili. Un Ep che mantiene elevata la creatività dell’autore sempre pronto e non timoroso di affrontare nuovi scenari deliranti e sperimentali.

Track by Track
  1. Of Flies 80
  2. Seclusion 80
  3. Infraworld 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
79

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 07.01.2020. Articolo letto 144 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.