Fosch «Per Chi ela la Nocc» (2019)

Fosch «Per Chi Ela La Nocc» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
22.12.2019

 

Visualizzazioni:
634

 

Band:
Fosch
[MetalWave] Invia una email a Fosch [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Fosch [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Fosch [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Fosch

 

Titolo:
Per Chi ela la Nocc

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Ol Pier :: Vox
Paga' :: Guitars
Got :: Guitars
Ganga' :: Bass
Ol Mike - Drums

 

Genere:
Black Metal

 

Durata:
43' 21"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
09.10.2019

 

Etichetta:
Vacula Productions
[MetalWave] Invia una email a Vacula Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Vacula Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Vacula Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Vacula Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Broken Bones Promotion
[MetalWave] Invia una email a Broken Bones Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Broken Bones Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Broken Bones Promotion

 

Recensione

Conosco abbastanza bene i Bergamaschi Fosch per via di qualche disco e il loro demo acquistati tra le distro, e ora ritornano con il loro terzo album del loro black metal cantato in dialetto bergamasco, per un risultato che pur non facendo sfracelli dimostra una band in costante ascesa, seppure un po’ lenta.
Se infatti il loro demo e il primo album suonavano discreti ma anche un po’ nella media, e il secondo album mostrava incoraggianti segni, “Per chi ela la nocc” mostra una band capace di suonare accumulando vari stili per una mistura propria e generalmente riuscita, che a volte si ispira a un riffing abbastanza semplice stile Umbra Noctis, abbinandogli una sapiente variazione di atmosfere a volte più selvatiche come in “Fellonch”, altre volte più cupe e invernali come nella title track che vanno a ricordare perfino “Plaguewielder” dei Darkthrone, e altre volte più spigolose e potenti, come in “La procesiu di morcc”, dove la ritmica ci mette del proprio per emergere e dare più spessore ai brani. Questi sono gli episodi migliori di una band come i Fosch che riescono a distinguersi da certo black troppo minimalista per un maggior apporto di idee, e che vede i migliori episodi di questo disco nei brani suddetti, semmai aggiungendoci anche la grezza furia della opener “Crof”.
Un complessivo miglioramento e una promessa rispettata, questo è dunque “Per chi ela la nocc”, ma comunque appaiono ancora un po’ di margini di miglioramento dovuti al fatto che i Fosch suonano un po’ andando sul sicuro e che possono aumentare l’apporto di idee nei brani, visto che nonostante ciò che si sente di positivo, si finisce comunque per arrivare a fine album che mancano un po’ di sfoghi, assoli episodi corali o che davvero si distaccano dal resto dell’album dando ancora più variazione al sound. Per questo motivo “Per chi ela...” suona ancora un po’ in via di sviluppo, convince ma non riesce ancora a brillare come dovrebbe, e in generale si può fare ancora di più. Per cui forza ragazzi, al prossimo disco vogliamo una bomba!

Track by Track
  1. Al calar del sul - Intro S.V.
  2. Crof 70
  3. Fellonch 70
  4. Per chi ela la nocc 75
  5. Amise ndela eta, sorele ndela mort 65
  6. La procesiu di morcc 70
  7. Fosch 70
  8. Rosen 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 22.12.2019. Articolo letto 634 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.