Freddy Delirio and the Phantoms «The Cross» (2019)

Freddy Delirio And The Phantoms «The Cross» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
28.11.2019

 

Visualizzazioni:
106

 

Band:
Freddy Delirio and the Phantoms
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Freddy Delirio and the Phantoms

 

Titolo:
The Cross

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Freddy Delirio :: vocals, keyboards, guitars, bass and drums

 

Genere:
Horror Metal

 

Durata:
51' 34"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
12.04.2019

 

Etichetta:
Black Widow Records
[MetalWave] Invia una email a Black Widow Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Black Widow Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Nee-Cee Agency
[MetalWave] Invia una email a Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nee-Cee Agency

 

Recensione

Ritorna Freddy Delirio, che con questo suo “The Cross” non so se abbia formato un altro progetto chiamato “Freddy Delirio and the phantoms” o se è la sua vena solista che qui ha preso questo nome. Poco importa. Ciò che sappiamo è che ritorna un volto illustre del metal italiano, che tra collaborazioni importanti nonché dischi coi mai dimenticati Death SS, ci propone un esempio di ciò che possiamo a grandi linee chiamare gothic rock, solo con una forte impronta cinematografica e una leggermente più progressive, quest’ultima non così evidente come detto.
Il tutto per un risultato che, va detto, suona non male, ma anche che punta molto più sulla produzione (curatissima, non c’è che dire) che sulla effettiva qualità dei brani, visto che spesse volte pur suonando ben fatti finiscono per mancare un po’ di personalità, come l’opener “Frozen Planets” che va a somigliare a “Year Zero” dei Ghost, oppure la successiva “Guardian Angel” che francamente suona bene, ma suona anche molto come una “This Corrosion” Parte seconda. Poi certo, i brani vanno diversificandosi, ma brani come “Inside the castle” seppur non male vanno a discostarsi dal gothic rock per preferire una componente dal sound più cinematografico e corale, così come “The circles”, e il resto del disco è così, in poche parole. Molto ben prodotto e a fuoco, ma anche non molto originale, senza picchi o episodi davvero diversi e che punta più sulla produzione che non sulla personalità dei brani, e dove un richiamo a qualche altro gruppo c’è sempre anche se nascosto, come “The new order” che possiede un ottimo mood apocalittico, ma che durante l’assolo va a ricordarmi “Vampire” dei Death SS. In pratica, “The cross” è l’esatto contrario di quelle bands underground metal tutta passione e poco raziocinio con cui registrano gli album. Qui avviene il contrario: il risultato è così lavorato e rifinito anche se non sovrabbondante, che l’originalità dei brani e la loro botta adrenalinica vanno a mancare, con un risultato che ha molto cervello ma anche una tangibile asetticità di fondo.
Insomma: le capacità di Freddy Delirio non sono in discussione, ma “The cross” è un disco perlopiù destinato ai suoi fan, e al massimo a qualche fan dei Death SS più recenti, ma oltre non so quanto si vada proprio perché si sente che c’è molta produzione e non molta originalità. Un lavoro onesto e molto personale, con tutti i pro e i contro.

Track by Track
  1. Frozen planets 70
  2. Guardian Angel 70
  3. Inside the castle 70
  4. The circles 70
  5. In the fog 70
  6. The new order 70
  7. Afterlife 70
  8. In the forest 70
  9. Liquid Neon 70
  10. Cold Areas 70
  11. The ancient monastery 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 28.11.2019. Articolo letto 106 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.