Empty Tremor «Eros and Thanatos» (2019)

Empty Tremor «Eros And Thanatos» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
22.11.2019

 

Visualizzazioni:
120

 

Band:
Empty Tremor
[MetalWave] Invia una email a Empty Tremor [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Empty Tremor [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Empty Tremor [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Empty Tremor [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Empty Tremor

 

Titolo:
Eros and Thanatos

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Giovanni De Luigi :: lead vocals, backing vocals
- Christian Tombetti :: electric guitar, acoustic guitar;
- Marco Guerrini :: electric guitar, acoustic guitar;
- Daniele Liverani :: keyboards;
- Dennis Randi :: bass guitar;
- Stefano Ruzzi :: drums, percussion;

 

Genere:
Progressive Metal

 

Durata:
1h 14' 5"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
03.05.2019

 

Etichetta:
Elevate Records
[MetalWave] Invia una email a Elevate Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Elevate Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Elevate Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Non male questo secondo disco degli Emtpy Tremor dove i dieci nuovissimi brani di “Eros And Thanatos” ci confermano la propria indiscussa dote compositiva che avevamo già avuto modo di apprezzare nel precedente lavoro. La struttura dei brani si sostanzia nella decisa e coesa unificazione di repentini cambi ritmici e dell’innumerevole dose di melodici a cui il combo ricorre per raffinare al meglio il proprio operato. Il suono del synth e delle chitarre rende particolarmente piacevole l’ascolto al pari del buon clean espressivo quanto basta e sempre pronto a mutare il proprio assetto; da segnalare anche le positive iniziative che ritmiche che ricordano al di là dell’operato dei Dream Teather anche band come Dali’s Dilemma e via discorrendo. Indubbiamente la resa di tanto in tanto pare un po’ decelerare quasi a rendersi poco attraente ma è una sensazione che ovviamente dura poco. L’ora abbondante di ascolto si articola su proposte positive a cominciare da “Future Need Your Name” sino all’ottima “Chinese Box”; c’è poi la ballad “Star” che anticipa la progressive classica di “Y2K”, un brano che sembrerebbe quasi già risentito; a chiudere prima del brano demo in bonus track la lunghissima “Timeless Night” forse uno dei brani più belli del platter ma probabilmente un po’ troppo lungo. La band si presenta complessivamente con un prodotto egregio che non avrebbe necessità di cambiamenti fatta eccezione forse per qualche brano che, seppur con alcuni arrangiamenti diversi pare un po’ similare con qualche altro sotto il profilo ritmico.

Track by Track
  1. Future Needs Your Name 75
  2. Always There 75
  3. Lost In The Past 70
  4. Outside 70
  5. Chinese Box 75
  6. Star 65
  7. Y2K 70
  8. Just For Today 65
  9. Timeless Night 70
  10. 10 Lost In The Past Bonus Track For Korea S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 22.11.2019. Articolo letto 120 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.