The Strigas «The Loner» (2019)

The Strigas «The Loner» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
13.11.2019

 

Visualizzazioni:
287

 

Band:
The Strigas
[MetalWave] Invia una email a The Strigas [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Strigas [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di The Strigas

 

Titolo:
The Loner

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Phobos Storm - Vocals
Liboria Tesoro - Bass Guitar
Andrea Losappio - Guitar
Raimondo "Ray" Lamanna - Guitar
Francesco "Nitro" Sguera - Drums

 

Genere:
Gothic Rock

 

Durata:
20' 0"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
13.09.2019

 

Etichetta:
Volcano Records
[MetalWave] Invia una email a Volcano Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Volcano Promotion
[MetalWave] Invia una email a Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Promotion

 

Recensione

The Strigas non è un nome che si dimentica e, difatti, il gruppo è attivo dal 2010 e di premi e soddisfazioni ne ha ottenute, “basti pensare che nel 2013 alcune loro canzoni vennero scelte per essere parte della colonna sonora ufficiale di THE CROW: SHREDS OF MEMORIES (diretto da P. Cinieri).
Con queste importanti premesse, ci addentriamo nelle sonorità nordiche e un pò gotiche di The Loner.
Prisons è un pezzo estremamente catchy e atmosferico grazie ad una serie di elementi: l’interpretazione del cantante, il piano che suona poche note e crea una sorta di litania, il ritornello che si esprime attraverso un’apertura niente male.
Con Deliverance tocchiamo corde un pò più vicine al metal, le chitarre si fanno pesanti e il ritmo è accattivante, anche la voce è graffiante, coerente con il video che possiamo vedere in streaming.
Rise up rimane su questa linea, ma con una melodica maggiormente accentuata su chitarre pulite e un sound quasi da film, un risultato degno di nota.
Siamo già alla fine con To nowhere, brano intenso e riflessivo nel quale si percepisce una sorta di disperazione, suggestiva attraverso un rock non troppo pesante, quasi dark a tratti, mi ha ricordato i Sentenced di alcuni anni addietro.
Questo EP è breve, purtroppo, ma decisamente interessante. Ho trovato, in ogni singolo minuto di ascolto, tracce di una forte personalità artistica, senza mettere in secondo piano una musica ben fatta e originale.
I testi non sono banali, le chitarre sono studiate per completare la voce di Phobos, la quale è già di suo versatile e bella da ascoltare.
Insomma, non vediamo l’ora di ricevere altro materiale perché qui ci sono tutte le premesse per una band che farà grandi cose.

Track by Track
  1. Prisons 85
  2. Deliverance 80
  3. Rise up 80
  4. To nowhere 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
81

 

Recensione di reira » pubblicata il 13.11.2019. Articolo letto 287 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.