Machina Coeli «Lure Of The Forgotten Lake» (2019)

Machina Coeli ĞLure Of The Forgotten Lakeğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
11.11.2019

 

Visualizzazioni:
262

 

Band:
Machina Coeli
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Machina Coeli

 

Titolo:
Lure Of The Forgotten Lake

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:

 

Genere:
Dungeon Synth

 

Durata:
35' 3"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
17.06.2019

 

Etichetta:
Nigra Opera Productions
[MetalWave] Invia una email a Nigra Opera Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nigra Opera Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nigra Opera Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Nigra Opera Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Strano quanto intrigante il destino di questi Machina Coeli, band strumentale forte del proprio operato rilasciato all’affidamento di un synth unificato a qualche annessa percussione diretta a stendere su tappeto rosso le proprie emozioni. Il lavoro, un disco totalmente strumentale in versione ambient, garantisce un operato parametrabile alle ultime opere del maestro Varg Vikers, ma anche i primi lavori di Mortiis, i cui contenuti paiono ancestrali e misteriosi proprio in considerazione del fatto che il primo lavoro, uscito quasi un ventennio fa e distribuito dall’etichetta californiana Moonlight Records, vide pochi giorni dopo il rilascio del disco la scomparsa del fondatore dell’etichetta proprio all’inizio di un bosco; fu in effetti ritrovata solamente la propria autovettura e la ricevuta di acquisto di una pistola ma nulla di più. In ogni caso la vena di mistero si respira e propaga ininterrottamente anche nel corso dell’ascolto delle tre tracce che rievocano indubbiamente nella vena ambient echi di matrice epica appartenenti ad un passato fatto d’armi, di battaglie, corti e castelli. Intrigante la cover del disco che rievoca simbolismi medioevali tra armi e gufi. Le tre tracce superano la mezz’ora di ascolto ed offrono per l’appunto mistero ed oscurità che indubbiamente non lasceranno indifferenti, come chi scrive, l’operato creativo ed emozionante della band.

Track by Track
  1. Approaching The Forgotten Lake 85
  2. Lure Of The Forgotten Lake 80
  3. Search Of The Lost Scrolls 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
81

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 11.11.2019. Articolo letto 262 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.