A Violet Pine «Again» (2019)

A Violet Pine «Again» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Led »

 

Recensione Pubblicata il:
02.10.2019

 

Visualizzazioni:
102

 

Band:
A Violet Pine
[MetalWave] Invia una email a A Violet Pine [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di A Violet Pine [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di A Violet Pine [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di A Violet Pine [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di A Violet Pine

 

Titolo:
Again

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Giuseppe Procida - vocal, guitar
Francesco Bizzoca – bass guitar
Paolo Ormas – drums

 

Genere:
PostRock / Shoegaze

 

Durata:
33' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
21.03.2019

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Trio di Barletta che torna sul mercato discografico con il nuovo lavoro "Again" pubblicato a quattro anni di distanza dall'ultimo lavoro "Turtles" e con una line up fresca di rinnovo con l'ingresso di Francesco Bizzoca al posto di Luca Ormas nel ruolo di bassista.
Gli A Violet Pine, questo il nome della band, si rinnovano anche nel sound abbandonando tastiere e synth per dirigersi vengo correnti più stoner rock, shoegaze.
"Again", racchiude trenta minuti di musica ruvida per mezzo di una sezione di chitarre che grattano l'atmosfera resa ancora più gonfia da una sezione ritmica che pompa al massimo senza mai strafare "Interstellar Love". Un ritmo che si fà sempre più incalzante man mano che ci addentriamo verso la parte centrale dell'album con "Run Dog, Run!" particolareggiata da un dialogo ritmico tra basso e chitarra bel sostenuto da una linea vocale corposa che lascia il passo a "Again" voluminosa e allo stesso tempo energica in pieno stile shoegaze.
Gli A Violet Pine, si concedono attimi più soft senza perdere la firma sonorà di un Alternative post Rock peso e piacevolemnet ben impostato "When Boys Steal Candies", con linee più chiare e melodiche come si può ascoltare nella traccia "Black Lips" o se preferite in una linea di basso metallica che aumenta di fatto la corporatura dell'album, creando atmosfere anche più scure e cupe "Monster".
"Again" si chiude con "ZOO", un ulteriore conferma che la band riesce a suonare quello che vuole in qualunque modo, regalando a chi ha la fortuna di ascoltare questo album vibrazioni più che positive.
Gradito ritorno dunque per il trio di Barletta con la speranza di ascoltare qualcosa di nuovo a breve!!

Track by Track
  1. Interstellar Love 60
  2. Run Dog, Run! 60
  3. Again 65
  4. When Boys Steal Candies 60
  5. Black Lips 60
  6. Monster 65
  7. Z00 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
63

 

Recensione di Led » pubblicata il 02.10.2019. Articolo letto 102 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.