Short Fuse «Sink or Swim» (2019)

Short Fuse «Sink Or Swim» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
29.09.2019

 

Visualizzazioni:
235

 

Band:
Short Fuse
[MetalWave] Invia una email a Short Fuse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Short Fuse [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Short Fuse

 

Titolo:
Sink or Swim

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Andrea :: Vocals
Andrea :: Lead guitar
Jacopo :: Rhythm guitar
Francesco :: Bass
Gianluca :: Drums

 

Genere:
Hardcore

 

Durata:
24' 29"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
22.01.2019

 

Etichetta:
Indelirium Records
[MetalWave] Invia una email a Indelirium Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Indelirium Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Indelirium Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Indelirium Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Indelirium Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
PR Lodge Music Promotion
[MetalWave] Invia una email a PR Lodge Music Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di PR Lodge Music Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di PR Lodge Music Promotion

 

Recensione

Non male questo disco dei romani Short Fuse, che in circa 24 minuti e mezzo riescono a proporci un buon esempio di hardcore sufficientemente personale e dalla buona compattezza, che rende “Sink or swim” un esordio positivo.
È il tiro delle composizioni, infatti, che rende questo disco bello, che prende una title track anche basilare volendo, ma che la vitaminizza con una convinzione che rende il muro delle chitarre compatto e preciso, il tutto ulteriormente graziato nei due brani successivi da un buon senso del groove, che differenzia i brani e non li rende delle sclerate hardcore già sentite e fini a sé stesse o quasi, anche se la parte migliore di questa release è data secondo me dalla potente accoppiata conclusiva di “Being in pain”, disarmonica ma anche veloce e che poi torna armonizzata, e soprattutto dalla conclusiva “Only destruction”, dal ritornello molto cantabile e corale, che garantisce un buon effetto da live.
Insomma: un buon esordio. Certo forse la voce alta di tonalità potrebbe annoiare qualcuno, ma per me si tratta di dettagli. La verità è che gli Short Fuse ci sanno fare. Un gruppo ben consigliabile all’acquisto se l’hardcore più canonico ma non scarno è il vostro pane quotidiano.

Track by Track
  1. Intro S.V.
  2. Sink or swim 70
  3. Losing you 70
  4. Borders and flags 70
  5. Opportunism 70
  6. A thousand words 70
  7. Being in pain 75
  8. Only destruction 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 29.09.2019. Articolo letto 235 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.