Astralium «Land Of Eternal Dreams» (2019)

Astralium «Land Of Eternal Dreams» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
29.08.2019

 

Visualizzazioni:
165

 

Band:
Astralium
[MetalWave] Invia una email a Astralium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Astralium [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Astralium

 

Titolo:
Land Of Eternal Dreams

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Roberta Pappalardo (Robie) - Vocals & Backing Vocals
Salvo Grasso - Drums & Male Vocals
Giuseppe Pappalardo - Bass & Backing vocals
Emanuele Alessandro - Guitars

 

Genere:
Symphonic Metal

 

Durata:
1h 5' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
23.08.2019

 

Etichetta:
Rockshots Music
[MetalWave] Invia una email a Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Rockshots Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Rockshots Music

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Asher Media Relations
[MetalWave] Invia una email a Asher Media Relations [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Asher Media Relations [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Asher Media Relations [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Asher Media Relations

 

Recensione

Nati nel 2014, gli Astralium danno il LA alla loro carriera partecipando attivamente a vari festival in Italia che permette loro di ricevere le prime vere soddisfazioni (da pubblico e critica) e maturando una solida esperienza on stage. Purtroppo nel 2017 il batterista abbandona il progetto, ma Salvo Grasso subentrerà per la realizzazione del primo disco.
Land of Eternal Dreams vede quindi la luce nel 2019, ma pare che l’attesa possa essere ripagata ampiamente grazie all’ascolto di più di un’ora e ai suoi tredici brani.
Con ordine, Remembrance è un’intro che mi ha molto ricordato The Nigtmare before Christmas; a seguire, The Journey traccia piuttosto valida con una melodia catchy e la bella voce di Roberta, chiara e cristallina, versatile nell’interpretazione.
Rising waves from the ocean si rivela più veloce ed impetuosa, lo stile è un pò quello degli Epica con chitarre potenti, cambi di tempo, tastiere.
Arriviamo a My life is my eternity , una notevole scoperta dato che rispecchia molti elementi di un metal sinfonico moderno con qualche piccolo riferimento più gothic e dark che non stanno di certo male nel suo complesso, anzi.
Whisper in the silence mette l’accento su un intreccio vocale equilibrato e su un ritmo martellante nel ritornello, coerente nel genere; Hope is gone è accattivante, belle le chitarre da sfondo, potrebbe essere un ottimo singolo (in effetti, potrebbe anche essere…).
Breath of my soul è una ballad delicata che viene sapientemente accompagnata dal piano; A Dream’s Elegy è piuttosto articolata, ritornello piacevole e cori inseriti nei giusti momenti che ci riportano ad atmosfere più oscure.
Seven seas seven winds è una canzone interessante perché ha sviluppi inaspettati, possiamo ascoltare brevi e intensi momenti lirici e qualche traccia di growling, i tempi sono alternati, è difficile prevederne l’evoluzione e ciò mantiene viva l’attenzione dell’ascoltatore.
Ethereal voices from the forest è una song quasi di meditazione, perfettamente coerente con il titolo, profonda e inusuale, ma la trovo perfettamente inserita nel progetto.
The world of unknown ci offre sonorità simili ai Within Temptation, (in particolare mi è venuta in mente The Howling) ma la band risulta comunque convincente e il loro marchio rimane evidente.
Ci avviciniamo alla conclusione con Hidden Conspiracy, un brano intricato colmo di colpi di scena, in pieno stile Nightwish attuali per intenderci, sicuramente ad impatto soprattutto se esibita su un palco.
Come bonus track troviamo la versione orchestrale acustica di Hope is gone: delicata ed intensa, l’ho trovata perfetta per finire quest’opera.
Land of eternal dreams è un esordio con i fiocchi, niente da dire. Se non lo sapessi, direi che la band arriva dall’Olanda visto il genere e come viene proposto, tuttavia ho visto anche molta personalità in ogni singola canzone.
Ho trovato la voce di Roberta versatile, adatta al genere e non, sicuramente un bel punto di forza da cui partire; non da meno la capacità di scrittura di testi e musica che ho trovato a tratti geniale.
Questi ragazzi partono con il botto, hanno la miscela giusta per poter farsi notare anche all’estero. Un buon disco da avere se siete appassionati del genere metal sinfonico con delle sfumature gothic.

Track by Track
  1. Rememberance S.V.
  2. The Journey 75
  3. Rising Waves From The Ocean 75
  4. My Life Is My Eternity 75
  5. Whisper In The Silence 75
  6. Hope Is Gone 80
  7. Breath of My Soul 75
  8. A Dream’s Elegy 75
  9. Seven Seas, Seven Winds 80
  10. Ethereal Voices From The Forest 80
  11. The World of Unknown 75
  12. 12. Hidden Conspiracy Bonus Track Japan 80
  13. Hope Is Gone (orchestral version) 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
76

 

Recensione di reira » pubblicata il 29.08.2019. Articolo letto 165 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.