Dead Shape Figure «Tomorrow Changes Nothing» (2004)

Dead Shape Figure «Tomorrow Changes Nothing» | MetalWave.it Recensioni Autore:
The sun of weakness »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1831

 

Band:
Dead Shape Figure
[MetalWave] Invia una email a Dead Shape Figure [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dead Shape Figure

 

Titolo:
Tomorrow Changes Nothing

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
T.Kallio - Vocals
Oxa - Drums
Face - Bass
Jesse - Guitars
Big-J - Guitars

 

Genere:

 

Durata:

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2004

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Primo demo autoprodotto per i finlandesi Dead Shape Figure. la creatura partorita porta il nome di "Tomorrow Changes Nothing" e sin dall'opener "Celebrate the day" si ha la sensazione di trovarsi di fronte al solito dischetto anonimo che ricalca le orme di mostri sacri, ma mai sensazione fu più sbagliata. Difatti siamo davanti ad un connubio particolare, ovvero di un thrash core che prende a piene mani dagli ultimi Pantera, soprattutto per la voce del singer T.Kallio una sorta di Anselmo più basso nelle tonalità, per poi unirsi ad accellerazioni death thrash figlie dei sempre onnipresenti At the Gates. "Wondering the stars" parte con un andamento più metal core abbastanza cadenzato per poi lasciarsi andare a degli accordi doom dove la voce si posa in un cantato pulito non triste ma buono per caricare al meglio il resto della canzone, qui appunto come ho detto prima ci attestiamo su sonorità più propriamente metal core. La conclusiva title track dopo dei giri di basso parte forte per poi dare via al pezzo con nuovi accordi doom, dove il cantato anselmiano da la giusta enfasi alla repentina accellerazione che si frena su un mid-tempo molto bello accompagnato dalle cleans vocals che ne scarturiscono la giusta enfasi al tutto, di sicuro il pezzo più bello e vario del demo capace di lasciarsi andare in un finale ottimo e in costante evoluzione. La prova di ogni singolo componente è abbstanza buona come lko è la produzione molto retrò nei suoni, ma sporca e cristallina allo stesso tempo, ogni strumento è calibrato alla perfezione. In definitiva un demo che si attesta su buoni livelli, nulla di memorabile, secondo me dovrebbero osare di più e ricalcare al meglio tutto il loro background musicale, come prima prova comunque ci siamo, aspettiamo il prossimo, per ora promossi.

Track by Track
  1. Celebrate the day 70
  2. Wondering the stars 65
  3. Tomorrow changes nothing 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
71

 

Recensione di The sun of weakness » pubblicata il --. Articolo letto 1831 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.