Hunternaut «Inhale» (2019)

Hunternaut ĞInhaleğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
30.07.2019

 

Visualizzazioni:
373

 

Band:
Hunternaut
[MetalWave] Invia una email a Hunternaut [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Hunternaut [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Hunternaut [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Hunternaut

 

Titolo:
Inhale

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Cristian Longhena :: Vox, Guitar
Alessandro Biasi :: Lead Guitar
Stefano Muph Ronk :: Bass
Luca Prandelli :: Drums

 

Genere:
Garage Prog / Post grunge

 

Durata:
40' 6"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
12.04.2019

 

Etichetta:
(R)esisto
[MetalWave] Invia una email a (R)esisto [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di (R)esisto [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di (R)esisto [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di (R)esisto [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di (R)esisto [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di (R)esisto

 

Distribuzione:
Resisto Distribuzione
[MetalWave] Invia una email a Resisto Distribuzione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Resisto Distribuzione [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Resisto Distribuzione

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Disco di debutto discreto per gli Hunternaut da Brescia, che ci propongono una quarantina di minuti di Post Grunge in questo “Inhale”, per un risultato incoraggiante ma anche altalenante. Il motivo di questa parziale riuscita è infatti da attribuirsi al fatto che la band non suona male, ma ancora immatura.
Infatti, “Inhale” suona come una band che va a due velocità, la prima delle quali è quella più tipicamente rock, dove effettivamente la band usa alcuni stilemi del grunge, ma il sound è e resta qualcosa di prevalentemente rock, dove dei riff troppo semplici e una vena melodica sempre presente e non polverosa come vorremmo rende gli Hunternaut abbastanza lontani dal grunge. C’è anche da dire che spesse volte è anche la musica stessa che va bene ma non suona affatto grunge, suonando spesso con arrangiamenti un po’ sovrabbondanti e privi di quel sound scarno tipico del genere di Seattle, finendo invece addirittura su sounds più tipicamente rock/metal, addirittura. Questo è un po’ il difetto dei brani più rockeggianti, con una “Oxidize” buona ma (come detto prima) tutto sommato non grunge e una “Inside me” non male che suona un po’ come la stessa cosa di “Backbone”.
La situazione non è dunque dei migliori, ma va detto che abbastanza inaspettatamente gli Hunternaut” funzionano molto meglio quando suonano meno distorti, più atmosferici e Post Grunge, come in “Soap bubbles”, dove il sound diventa molto più comunicativo e a fuoco, o come nella title track che pur essendo un po’ troppo lunga rende comunque alla grande quando il suono si fa desertico epolveroso come piace a noi. E a conclusione di tutto, finalmente gli Hunternaut riescono a regalarci anche un buon brano Grunge elettrico nella conclusiva “I’ll be there”. Qui infatti i nostri usano riffs più personali, aumentano il tiro, diminuiscono la durata del brano e centrano bene l’obiettivo, sciogliendosi un po’ le articolazioni.
Insomma: luci e ombre, luoghi comuni e intuizioni più personali, ma gli Hunternaut eccellono in qualcosa quando si concentrano a fare qualcosa di più proprio e meno in ossequio dei propri idoli. “Inhale” è il primo disco, e qualche difetto di gioventù ci può stare, il che spiega il voto attribuito. Nel frattempo, chi segue il Post Grunge potrebbe essere interessato a questa band di ragazzi bresciani.

Track by Track
  1. Oxidize 65
  2. Inside me 65
  3. Backbone 65
  4. Soap bubbles 70
  5. Hundreds of scars 60
  6. Inhale 70
  7. Out there 65
  8. I'll be there 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
65

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 30.07.2019. Articolo letto 373 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.