Intronaut «Void» (2006)

Intronaut «Void» | MetalWave.it Recensioni Autore:
InnerPain »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
430

 

Band:
Intronaut
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Intronaut [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Intronaut

 

Titolo:
Void

 

Nazione:
Stati Uniti

 

Formazione:
Danny Walker :: drums
Sacha Dunable :: guitar-vocals
Leon del Muerte :: guitar-vocals
Joe Lester :: bass

 

Genere:

 

Durata:
50' 18"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2006

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gli americani Intronaut sono una delle nuove proposte del panorama underground a stelle e strisce.
Provenienti da L.A. il combo americano si presenta dopo l’ep Null, con questo full-lenght di 8 brani dal titolo Void.Distribuito per LifeForce ha ben poco di demo data la buona qualità di registrazione e la solida produzione che ha alle spalle,ma lascia un po’ l’amaro in bocca dopo averlo riascoltato diverse volte.Indubbiamente le qualità tecniche del quartetto non sono da mettere in discussione ma la miscela di ritmi emo-core e metal non è ancora consolidata da poter parlare di innovazione anche se ci sono diversi spunti interessanti quando si passa da tempi quasi prog a sfuriate di doppia cassa e ritmi metal-core a parti strumentali lente,quasi a ricordare i Cult Of Luna.
Il ritmo è ben sostenuto in-A Monolithic Vulgarity- e – Gleamer- dove i cambi di ritmo incalzano aggressivamente sostenuti da un cantato growl incisivo ma monotono, mentre x il resto ci si ritrova a nessuna variazione quasi a non percepire se si è o meno passati al brano successivo.Questa è di sicuro l’unica pecca ma non poco per un album che non ha nulla da ridire sulla qualità audio ma che è troppo scontato dal momento che i brani sono ibridi uno dell’altro,e da una band che viene dall’oltreoceano ci si aspetta sicuramente di più in fatto di composizione….questo per dimostrare che l’underground italiano non è sicuramente così distante da quello americano

Track by Track
  1. A Monolithic Vulgarity 67
  2. Gleamer 65
  3. Fault Lines 62
  4. Nostalgic Echo 59
  5. Teledildonics 60
  6. Iceblocks 58
  7. Rise to Midden 57
  8. Fragments of Character 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 55
  • Originalità: 63
  • Tecnica: 68
Giudizio Finale
62

 

Recensione di InnerPain » pubblicata il --. Articolo letto 430 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.