Slopeseekers «Sleep, Create, Destroy» (2019)

Slopeseekers «Sleep, Create, Destroy» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
03.07.2019

 

Visualizzazioni:
44

 

Band:
Slopeseekers
[MetalWave] Invia una email a Slopeseekers [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Slopeseekers [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Slopeseekers [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Slopeseekers

 

Titolo:
Sleep, Create, Destroy

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Simone Varenna :: Vocals, Guitars
Niccolo' Lissoni :: Guitars
Domenico Fazzari :: Drums
Jacopo Scopel :: Session bass

 

Genere:
Experimental

 

Durata:
19' 52"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
04.03.2019

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Arrivano al debutto anche gli Slopeseekers, un metalcore trio più session che con questo Ep ci propongono quasi 20 minuti di musica direi complessa e variegata, poco propensa ai tempi normali, e che invece preferisce un andamento ritmico spezzettato e dispari, con una predilezione anche per le dissonanze a livello di chitarre. Tanto che si va spesso a finire sul Post/HC e perfino su certe cose Math.
Il tutto per un risultato invero non molto originale, ma comunque fatto bene e ben registrato e mixato, che mostra un buon entusiasmo di questi ragazzi, che danno il meglio nella loro terza canzone in quanto è quella leggermente più diretta e con un ritornello che esce bene, donando più immediatezza ai brani. Sì perché gli altri brani pur andando bene, mostrano a volte il difetto di essere un po’ “overdone”, con un po’ troppe partiture e repentini cambi che rendono i brani davvero troppo frammentati e meno intelligibili. Il che è un peccato perché gli Slopeseekers mostrano di saper centrare un certo tiro nei loro brani, ma è un’energia che seppure annunciata, raramente si sfoga e va a rifugiarsi in una eccessiva tecnica che rende i brani poco scorrevoli, a tratti.
Insomma: debutto incoraggiante, serve solo di bilanciare un po’ di più le idee all’interno dei brani e di non strafare, ma la sostanza c’è. Alla prossima.

Track by Track
  1. Constellation – a temporary solitude 70
  2. Ether – a warm inertia, a colder sun 65
  3. Asleep – and everything is clear 75
  4. Portraits – an unexpected connection 65
  5. Leaves – the solstice, the wisdom 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 03.07.2019. Articolo letto 44 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.