Signs Of Human Race «Inner Struggle Of Self-Acceptance» (2019)

Signs Of Human Race «Inner Struggle Of Self-acceptance» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
30.06.2019

 

Visualizzazioni:
88

 

Band:
Signs Of Human Race
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Signs Of Human Race [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Signs Of Human Race

 

Titolo:
Inner Struggle Of Self-Acceptance

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Remek James Robertson :: Vocals, Keyboards
Diego Lorenzi :: Guitars
Alessandro Ducroz :: Guitars
Davide Brighenti :: Bass
Samuele Leonard Sereno :: Drums

 

Genere:
Progressive / Avant-Garde Metal

 

Durata:
42' 56"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
26.03.2019

 

Etichetta:
Sliptrick Records
[MetalWave] Invia una email a Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sliptrick Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Sliptrick Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Grand Sounds PR
[MetalWave] Invia una email a Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grand Sounds PR

 

Recensione

Promettente disco di debutto per i Bresciani Signs of Human Race, che con questo “Inner struggle of Self-Acceptance” ci propongono 43 minuti di una musica che sta al crocevia tra Progressive (influenza principale), parti più Death Metal e altre decisamente più leggere e psichedeliche.
Detta così ci verrebbe da pensare agli Opeth, ma in realtà la linea vocale di “Dreaming reality” iniziale ci fa pensare a delle atmosfere più terse e sullo stile dei Porcupine Tree, che poi evolvono verso un solismo molto Pink Floyd nella seconda parte della canzone, e questo è il sound in cui i SoHR danno il loro meglio, risultando efficaci e in grado di trasmettere emozioni con la necessaria profondità. Meno bene invece è quando i nostri vanno a suonare più death metal perché suonano molto meno personali e fuori bilanciamento, con accelerazioni mica tanto necessarie come nel secondo brano, e con momenti dove questa influenza musicale è meno connessa con le altre due principali. Ne sia un esempio il terzo brano, che comincia calcando troppo la mano sul death metal finendo perfino sullo slam a volte, e per questo andandosi a distanziare troppo dal resto di ciò che i SoHR suonano. Forse anche per questo, i brani migliori di “Inner...” sono dati dalle conclusive “Of love and misgiving” (la più prog di tutte e con una bella chitarra solista), nonché la canzone in chiusura, ovvero 12 minuti e passa di musica che consistono in una vera e propria summa compositiva di questo album, che alterna momenti ombrosi e pesanti alternati ad altri più tersi e meno sopra le righe.
In conclusione: nonostante qualche influenza death non molto rilevante, “Inner struggles of self – acceptance” è comunque un debut album interessante e che sa come farsi valere, consigliato a chi cerca un album prog con influenze metal estremo. Specialmente sulla scia di Opeth e Porcupine Tree.

Track by Track
  1. Dreaming Reality 75
  2. Above the languages of life 70
  3. Journey into self-reflection 65
  4. Of love and misgiving 80
  5. Choking in hopeless agony 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 30.06.2019. Articolo letto 88 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.