Fordomth / Malauriu «Twin Serpent Dawn» (2019)

Fordomth / Malauriu «Twin Serpent Dawn» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
29.06.2019

 

Visualizzazioni:
79

 

Band:
Fordomth / Malauriu

 

Titolo:
Twin Serpent Dawn

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
FORDOMTH:

- B.G. :: Guitar;
- C. G. :: Vocals;
- R. M. :: Bass;
- C. V. :: Drums;

MALAURIU:

- A. Schizoid :: Guitars;
- S.T. :: Bass;
- A. Venor :: Vocals;
- E.P. :: Drums;
- F.C. :: Keyboards;

 

Genere:
Black Metal

 

Durata:
9' 20"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
20.06.2019

 

Etichetta:
Masked Dead Records
[MetalWave] Invia una email a Masked Dead Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Masked Dead Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Masked Dead Records
Black Mourning Productions
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Black Mourning Productions [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Black Mourning Productions

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mani In Faccia Promotion
[MetalWave] Invia una email a Mani In Faccia Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mani In Faccia Promotion

 

Recensione

Le due black metal band sicule Malauriu e Fordomth danno vita con un solo brano a testa a questo split album “Twin Serpent Dawn” in cui si assiste all’ascolto di due modi diversi di esternare l’oscurità e il male proposto dal genere. Indubbiamente un solo brano non può essere di per sé sufficiente a rilasciare un giudizio obiettivo ma le due band contemporaneamente offrono un’idea di come fare in parte colpo sull’ascoltatore. Sul brano dei Malauriu “Ancients Spirits”, vincono soprattutto sia la forza dei melodici che l’annessa espressività dello scream accorpati in maniera assai ghiotta alla buona proposta ritmica racchiusa nei cinque minuti scarsi di ascolto. Quanto al secondo brano, in linea di uscita dallo streaming, i Fordomth, con il loro “The Chanting Void”, paiono un passo appena indietro rispetto ai compagni di split soprattutto a cagione di una produzione meno efficiente in primis, e poi per una resa piuttosto ovattata delle ritmiche che non consentono di offrire una valutazione completa. In ogni caso dall’ascolto le idee ci sono, tenuto conto che il tutto pare anche caldeggiato da una vena orchestrale in sottofondo che non pare far altro che accreditare maggiormente la band. Come detto, un brano non può assolutamente essere sufficiente ad esprimere un giudizio completo ed obiettivo ma in ogni caso le intenzioni ci sono tutte.

Track by Track
  1. Ancients Spirits 80
  2. The Chanting Void 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 29.06.2019. Articolo letto 79 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.