The Chasing Monster «Errant» (2019)

The Chasing Monster «Errant» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
08.06.2019

 

Visualizzazioni:
378

 

Band:
The Chasing Monster
[MetalWave] Invia una email a The Chasing Monster [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di The Chasing Monster [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Chasing Monster

 

Titolo:
Errant

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Leonardo Capotondi :: Guitars;
- Edoardo De Santis :: Drums;
- Riccardo Muzzi :: Bass;
- Francesco Di Marco :: Sound, Synthesizers;

 

Genere:
Instrumental / Experimental

 

Durata:
49' 33"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
10.05.2019

 

Etichetta:
Antigony Records
[MetalWave] Invia una email a Antigony Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Antigony Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Antigony Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
PR Lodge Music Promotion
[MetalWave] Invia una email a PR Lodge Music Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di PR Lodge Music Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di PR Lodge Music Promotion

 

Recensione

I post rockers viterbesi The Chasing Monster ci conducono attraverso percorsi inesplorati derivanti da questo loro secondo disco “Errant”, un disco strumentale che abbraccia melodie oscure molto toccanti e con l’intensione di far errare l’ascoltatore all’interno di un viaggio ripercorso direttamente dal quartetto in alla ricerca di se stessi; la band in sostanza attraverso andature moderate e rilassanti effettua dei passaggi significativi, sperimentando nuove realtà e annessi percorsi con l’obiettivo di non privarsi mai di ciò che li circonda e, immancabilmente senza mai abbandonare le proprie radici evitando così di disperdersi in mondi paralleli. Le andature del lavoro, assolutamente sobrie nella proposta, offrono un quadro compositivo tipico del genere, con l’adozione dell’uso del synth diretto a generare simmetrie ed affetti in cui la chitarra offre, nota per nota, ogni possibile e coinvolgente melodia. L’ascolto è molto piacevole e difficilmente non attrae l’ascoltatore che in verità pare piuttosto coinvolto all’interno della modalità esecutiva della band che cura attentamente ogni singolo momento senza mai dare nulla per scontato; brani tutti molto particolareggiati e caratterizzati singolarmente da un qualcosa che li classifica e li accorpa l’uno all’altro. Molto belli alcuni passaggi più ipnotici sviluppati da echi e da note avvolgenti. Un disco ben concepito con sottofondi d’effetto meritevoli di ascolto e di immancabile contemplazione.

Track by Track
  1. Oceano 70
  2. Beyond The Fireflies Realm 75
  3. The Great Climb 75
  4. Bridge Between 80
  5. Beneath The Desert 80
  6. Shambala 80
  7. There's No Place Like Home 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
78

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 08.06.2019. Articolo letto 378 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.