Asymmetry of Ego «Forsake Beyond The Dusk» (2019)

Asymmetry Of Ego «Forsake Beyond The Dusk» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
06.06.2019

 

Visualizzazioni:
252

 

Band:
Asymmetry of Ego
[MetalWave] Invia una email a Asymmetry of Ego [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Asymmetry of Ego [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Asymmetry of Ego

 

Titolo:
Forsake Beyond The Dusk

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Simone Carbone :: Vox, Guitars
Paolo Valanzola :: Guitars
Marco Fuliano :: Drums
Davide Medicina :: Bass
Stefano Bergamaschi :: Keys, guitars, vox

 

Genere:
Alternative Metal

 

Durata:
36' 10"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
26.03.2019

 

Etichetta:
Thisiscore Label
[MetalWave] Invia una email a Thisiscore Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Thisiscore Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Thisiscore Label [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Thisiscore Label

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
PR Lodge Music Promotion
[MetalWave] Invia una email a PR Lodge Music Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di PR Lodge Music Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di PR Lodge Music Promotion
Mazzarella Press Office
[MetalWave] Invia una email a Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mazzarella Press Office
Sorry Mom!
[MetalWave] Invia una email a Sorry Mom! [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Sorry Mom!

 

Recensione

Devo ammettere che “Forsake beyond the dusk” degli Asymmetry of Ego da Genova è uno tra gli esempi migliori sentiti ultimamente di mix tra alternative, djent e metal moderno.
Dove tante bands toppano per scarsa originalità o sound artefatto, gli AOE suonano questo genere in maniera naturale, con una opener “Erase myself” che scorre liscia e con interessanti introspezioni acustiche dopo il ritornello, e come se nulla fosse, gli AOE sanno anche cimentarsi su sonorità decisamente più core del terzo brano, con tanti breakdown e che vanno a finire perfino sullo djent alla fine, il tutto con la voce pulita che indisturbata si stende alla perfezione sopra di essa. Ne deriva un sound contorto e sperimentale da qui in poi, che si rifà parecchio ai Tool e A perfect circle, ma mixato con l’alternative in maniera eccellente, anche se il brano migliore è dato dalla riuscitissima melodia iniziale di “One word”, semplicemente vincente e molto cantabile.
Rimarrebbe da descrivere come la conclusiva “The antheap awakers” sia forse il brano più core e forse anche quello un po’ più esemplificativo del sound degli AOE, ma non importa più di tanto. Ciò che importa è che rimango allibito dall’ascolto di quest’album. Lo ripeto: tantissimi si cimentano in questi generi, e molti risultano poco longevi in quanto troppo derivativi o artificiosi, ma gli Asymmetry of Ego fluttuano via su questi problemi e ci donano un disco che scorre liscio come l’olio, dove incredibilmente la dicotomia della voce pulita non va a cozzare affatto con gli strumenti, sia quando suonano alternative, sia quando suonano più duri. Sono spiazzato e basito. Complimenti.

Track by Track
  1. Intro – Freedom for convenience S.V.
  2. Erase myself 80
  3. The sound of brightness 80
  4. The monster 80
  5. Deep from the underground 80
  6. I don't know 75
  7. One word 85
  8. Fake lies 70
  9. The antheap awakers 80
  10. Outro – Torn Apart S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
79

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 06.06.2019. Articolo letto 252 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.