Mr. Jack «Long Road» (2019)

Mr. Jack «Long Road» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
01.06.2019

 

Visualizzazioni:
73

 

Band:
Mr. Jack
[MetalWave] Invia una email a Mr. Jack [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mr. Jack [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mr. Jack [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Mr. Jack [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Mr. Jack [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Mr. Jack [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Mr. Jack [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Mr. Jack

 

Titolo:
Long Road

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Mr Jack :: All instruments, vocals

 

Genere:
Metal / Hard Rock

 

Durata:
32' 44"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
20.03.2019

 

Etichetta:
Wanikiya Record
[MetalWave] Invia una email a Wanikiya Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Wanikiya Record [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Wanikiya Record

 

Distribuzione:
Red Sofa Lab
[MetalWave] Invia una email a Red Sofa Lab [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Red Sofa Lab
Rec n black

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Mr. Jack sarà anche un ottimo musicista e si sente, è attivo da molto tempo e si sente anche questo, ma il suo disco solista “Long Road” risulta, purtroppo, un divertissement e nulla più. Qualcosa di buono e decente, riassumibile sotto la parola rock anche se in realtà tocca tutte le sfumature di questo genere, ma che non va molto oltre a questo. E il motivo di questo è dato da due fattori che danneggiano “Long Road”: una qualità sonora buona ma anche molto standard e innocua, che appiattisce l’impatto della musica, nonché una musica che suona come un onesto tributo per tutti i generi toccati, ma che non va molto oltre.
Entrambi questi difetti sono endemici per tutto l’album, che danneggiano “One love” rovinandone l’impatto, nonché l’atmosfera bluesy di “Mind strange”, tra l’altro. E questo è un peccato perché buona parte della musica viene in questo modo penalizzata e va a suonare molto più canonica di ciò che in realtà è. Non aiuta la presenza di ben 2 brani lenti, uno per voce e piano (“Trip to paradise”), e uno simil country nella title track, che sarà anche un po’ prolissa, ma sempre meglio delle cavolate bro-country che mi tocca sentire qua e là.
In conclusione: “Long Road” non fa misteri su ciò che è e che fa: è un tributo al rock, né più né meno; non si sogna di andare a riscrivere un certo genere musicale e per questo suona onesto, ma i difetti suddetti lo sabotano un bel po’ e lo relegano allo status di disco di nicchia. Peccato.

Track by Track
  1. One love 60
  2. Mind strange 65
  3. Trip to paradise 60
  4. Infernal word 65
  5. Long road 60
  6. Earthquake 60
  7. Metal head 65
  8. Rock whore 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 55
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
63

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 01.06.2019. Articolo letto 73 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.