Black Flame «Necrogenesis : Chants From The Grave» (2019)

Black Flame «Necrogenesis : Chants From The Grave» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
30.05.2019

 

Visualizzazioni:
336

 

Band:
Black Flame
[MetalWave] Invia una email a Black Flame [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Black Flame [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Black Flame [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Black Flame [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Black Flame

 

Titolo:
Necrogenesis : Chants From The Grave

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Cardinale Italo :: Guitars & Vocals;
- m:A Fog :: Drums;
- Silent :: Bass;
- Tiorad :: Guitars;

 

Genere:
Occult Black Death Metal

 

Durata:
42' 50"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
15.07.2019

 

Etichetta:
Dusktone
[MetalWave] Invia una email a Dusktone [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Dusktone

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Formatisi alla fine degli anni ’90 i Black Flame rappresentano una delle realtà più in voga che il nostro paese possa vantare nell’abito dell’occult black metal; tenendo conto che questo nuovo “Chants From The Grave” è già il sesto album all’attivo per la band e, probabilmente uno dei migliori dischi dalla stessa realizzati proprio per la particolarissima sottigliezza dell’esporre al meglio il concetto di black metal, il combo offre un quadro compositivo particolarmente oscuro e violento. Dall’ascolto del disco emerge indubbiamente la particolarità di ascoltare un sound alternato che si scinde tra contesti dark con altri di matrice più death black estrema il cui punto forte è rappresentato dalla potenza sprigionata nota dopo nota; il clima che si respira indubbiamente è molto oscuro, infernale e satanico dove in pratica c’è poco da divertirsi e molto da temere. Dopo un’apertura un po’ blanda in quanto più classificabile come intro che come brano in sé, ci si rimette immediatamente in carreggiata con “Atra Mors” dove un sound tagliente ma compatto come pochi prende il via con andature subito tirate ed oscure in cui l’ottimo scream caldo nei toni offre un’ottima congiunzione tra melodici e cattiveria; di matrice più black è invece “Morbid Worship” dove nella sfuriata ritmica offerta, anche la parte cantata assurge più ad un aspetto scream maggiormente proprio del black metal e meno del death; non poco aggressiva parte in pompa magna anche “Reverse Chants And Rusty Nails” la cui parte centrale offre degli squarci ritmici appena più moderati ma pur sempre dannatamente eccentrici; un’apertura oscura, quasi sinistra è data dall’arpeggio distorto di “The Breath Of Mud” un brano decisamente diretto, con un sound tutto da assaporare; stessa sorte sono anche “From My Depths” e “Mater Larvarum” in cui le alternanze sonore si diramano dando luogo a andature diversificate e ambientazioni demoniache; si giunge poi alla conclusiva “A Grave Full Serpents” altro brano malvagio, diretto e dannatamente d’effetto. Un disco tutt’altro che ripetitivo, brani decisamente all’altezza della situazione e colmi di un clima demoniaco come in pochi sanno fare.

Track by Track
  1. Necrogenesis S.V.
  2. Atra Mors 75
  3. Morbid Worship 75
  4. Reverse Chants And Rusty Nails 70
  5. The Breath Of The Mud 75
  6. From My Depths 75
  7. Mater Larvarum 75
  8. Grave Full Of Serpents 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 30.05.2019. Articolo letto 336 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.