Knowhere «Spiral» (2019)

Knowhere «Spiral» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
13.05.2019

 

Visualizzazioni:
92

 

Band:
Knowhere
[MetalWave] Invia una email a Knowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Knowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Knowhere

 

Titolo:
Spiral

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Bruno Chiaffredo :: Drums
Federico Cuffaro :: Vox, guitar
Mario Daudo :: Bass

 

Genere:
Alternative rock

 

Durata:
32' 44"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
08.02.2019

 

Etichetta:
Volcano Records
[MetalWave] Invia una email a Volcano Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Volcano Promotion
[MetalWave] Invia una email a Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Volcano Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Promotion
Alpha Omega Management
[MetalWave] Invia una email a Alpha Omega Management [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Alpha Omega Management [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Alpha Omega Management

 

Recensione

Non male il disco di debutto dei Torinesti kNowhere, che in poco meno di 33 minuti riescono a proporci un valido esempio di come fare un disco Alternative post rock, la cui musica consiste appunto in una fusione tra i due generi, dopo la leggiadra atmosfera mutuata dal posto rock viene messa a terra tramite i connotati sonori dell’alternative, che gli danno un tocco più palpabile e con quel groove minimale ma accattivante.
E “Spiral” è così, con dei brani che imbroccano un certo mood e lo mantengono per tutta la durata del brano, a volte suonando del tutto eterei come in “The fly”, altre volte cercando di aggiungere un mood più mosso, come in “Imploding” e “The sword”, dove un goove minimale riesce a tenere su il brano. E in realtà quest’influenza più rockeggiante si sente anche in brani come “Pride” dove i kNowhere cercano di lasciarsi andare un po’ di più nonostante il gain resta sempre a meno della metà, ma in realtà si sente che la specialità di questa band non è quella, e alla fine finiamo per apprezzare questi ragazzi più quando fanno post rock, non a caso il loro brano migliore è dato dalla conclusiva “The seed”, che costituisce una vera summa compositiva dell’album.
In conclusione: certo, c’è un po’ di monodirezionalità che alla fine rende il caleidoscopio dell’album non così variegato, ma ciò non toglie che “Spiral” è comunque un album positivo, senz’altro consigliabile agli amanti delle sonorità suddette.

Track by Track
  1. The fly 75
  2. Imploding 75
  3. The sword 75
  4. Envy 70
  5. Taking time 70
  6. Tsunami 70
  7. Ulisse 75
  8. Pride 70
  9. The seed 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 13.05.2019. Articolo letto 92 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.