Chiral «The Twilight Songs (Part I)» (2019)

Chiral «The Twilight Songs (part I)» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
12.05.2019

 

Visualizzazioni:
158

 

Band:
Chiral
[MetalWave] Invia una email a Chiral [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Chiral [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Chiral [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Chiral [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Chiral [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Chiral

 

Titolo:
The Twilight Songs (Part I)

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Chiral :: All Instruments;

 

Genere:
Acoustic / Atmospheric Black / Expiremental Folk

 

Durata:
30' 1"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
05.08.2018

 

Etichetta:
Heathen Tribes
[MetalWave] Invia una email a Heathen Tribes [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Heathen Tribes [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Heathen Tribes

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Grand Sounds PR
[MetalWave] Invia una email a Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grand Sounds PR

 

Recensione

Partenza un po’ con il freno tirato per questa one man band piacentina chiamata Chiral che offre questa monotraccia acustica dal titolo “The Twilight Songs Part. 1” ispirandosi a Burzum, Opeth, Ulver e Falls Of Rauros; la traccia, della durata di circa mezz’ora di ascolto pare più il sottofondo per un film western piuttosto che l’invocazione ad un qualcosa che, a detta del genere dovrebbe rappresentare quanto meno un po’ il senso di oscurità e malvagità; detta sensazione al di là del lavoro acustico, non offre anche sotto l’aspetto delle note quel senso di depressivo e di malinconico che quanto meno si dovrebbe ravvisare in un disco black metal; vero è che il genere richiamerebbe, in ipotesi, anche elementi folk ma in ogni caso le chitarre che si incrociano tra acustica e note in sottofondo paiono un po’ sui generis; parecchia anche la pausa che passa da un attacco all’altro; Non che il disco suoni male in sé, il contenuto è assolutamente in quiete e rilassante ma attribuirne correnti ed elementi di matrice black metal e/o atmosferici, sinceramente non se ravvisa la necessità a causa dell’assenza degli stessi.

Track by Track
  1. Monumental 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
64

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 12.05.2019. Articolo letto 158 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.