Anvil Therapy «Duality» (2019)

Anvil Therapy «Duality» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
02.05.2019

 

Visualizzazioni:
379

 

Band:
Anvil Therapy
[MetalWave] Invia una email a Anvil Therapy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Anvil Therapy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Anvil Therapy

 

Titolo:
Duality

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Alessandro Matera :: Vox
Alessandro Berchicci :: Guitars
Dario Calamai :: Keys
Stefano Filipponi :: Bass
Michel Agostini :: Drums

 

Genere:
Rock Progressive Metal

 

Durata:
1h 6' 12"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
28.02.2019

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

“Duality” degli Anvil Therapy è uno tra i migliori dischi di prog più rock che metal uscito dall’Italia di questi ultimi tempi, poco da dire. È vero infatti che ultimamente questo genere musicale propone buone release, ma “Duality” riesce comunque a batterli a causa di un disco complesso ma comunque non cerebrale e appassionante, che a volte si rifà abbastanza palesemente ai Dream Theater di metà carriera, ma che più spesso riesce a brillare di luce propria.
Tutto questo lo si può ascoltare nell’ora e qualcosa di durata di quest’album, con uno stile che si fa notare sin da subito per una cangianza umorale che ti colpisce in “Desert” e “Monothonya”, che monotona lo è di nome ma non certo di fatto, e a questo stile compositivo si alternano importanti plusvalori come la coralità cantabile di “Dear father” o la maggiore compattezza di “Overlaps”, relativamente più lineare e a tiro. Non mancano gli episodi più intricati e progressive, come la titletrack da 10 minuti o la ancora più lunga “What remains” che nel dura ben 14 e mezzo, in cui gli Anvil Therapy riescono comunque a tenere l’attenzione più che alta sbizzarrendosi e regalandoci un lavoro caleidoscopico e che alla fine del disco ti lascia a bocca aperta per il sorprendente grado di maturità di questa band raggiunto, nonché per i fatto che questa sia stranamente solo un’autoproduzione. L’unico difetto potrebbe essere al massimo dato dalla mancanza di un brano più mellow, la “The silent man” della situazione per intenderci, dove gli Anvil Therapy abbassano un po’ il tiro e ci fanno prendere un po’ fiato. Non si tratta comunque di un grave problema, visto che il resto dell’album riesce comunque a farci fare un giro emozionante.
In conclusione: gran bel disco davvero stupefacente. Se il progressive rock con un po’ di metal è il genere che fa per voi, “Duality” degli Anvil Therapy è un acquisto che reputo fortemente consigliato.

Track by Track
  1. Desert 80
  2. Monothonya 85
  3. Dear father 80
  4. Overlaps 80
  5. Duality 85
  6. Being myself 80
  7. Rage 80
  8. Threw it all 80
  9. Roses and caskets 80
  10. What remains 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
82

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 02.05.2019. Articolo letto 379 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.