Volvodrivers «Cui Prodest?» (2018)

Volvodrivers «Cui Prodest?» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Led »

 

Recensione Pubblicata il:
22.04.2019

 

Visualizzazioni:
239

 

Band:
Volvodrivers
[MetalWave] Invia una email a Volvodrivers [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volvodrivers [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Volvodrivers

 

Titolo:
Cui Prodest?

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Alberto Netti - voce e chitarra -
Aleksandar Marinkovic - basso -
Luca Quargnal - batteria -

 

Genere:
Alternative Rock

 

Durata:
47' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Attivi dal 2004, i Volvodrivers sono un’anima musicale nota nella scena Alternative Rock friulana che arriva a questo secondo album "Cui Prodest?", dopo l'album di debutto dall'omonimo titolo. Questo nuovo disco collocabile tra le file di un sano e genuino stoner rock con liriche in Italiano è frutto della buona intesa tra i tre musicsti di Monfalcone che riescono a produrre atmosfere intense e ricche di spunti originali.
"Cui Prodest?" è un album corposo, scuro un piacere da ascoltare, sia perché presenta rilevanti spunti grunge, sia perché è un qualcosa di molto differente rispetto a ciò che si sente ora in giro. Un bel connubio tra suoni di chitarra ruvidi che si vanno ad intersecare alla perfezione con una linea ritmica semplice ma con il giusto impatto sonoro.
I Volvodrivers,nonostante sia il loro secondo album, generano un sound generale che ti scava dentro e non ti lascia scampo. Siamo di fronte ad un progetto completo curato nei minimi dettagli con il risultato finale, ben riuscito a mio avviso, di regalare molte emozioni.
Per chi ama certe sonorità è un ritorno ad un qualcosa che sembrava scomparso, anche perché le bands che si rifanno a questa linea musicale spesso la seguono in maniera ortodossa, mentre la sua essenza è ben catturata dai Volvodrivers, che ne colgono le cose migliori e le portano a galla attraverso la propria sensibilità.
"Cui Prodest?" è una di quelle gemme che vivono nel sottobosco e che sono gioie riservate a chi vuole ricercare, e non a chi vuole trovarsi la pappa pronta.

Track by Track
  1. Nitro 60
  2. Cibernetica 60
  3. Nuovo Ordine 65
  4. Rehala 65
  5. La Santa Muerte 70
  6. Trovati In Immagine 65
  7. Amleto 60
  8. Cragno 60
  9. Ossessione Ciclopica 70
  10. Protomartire 55
  11. Cuore Nero 70
  12. Desert Ghost 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
65

 

Recensione di Led » pubblicata il 22.04.2019. Articolo letto 239 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.