A Vintage Death «Acrid Death Fragrance» (2018)

A Vintage Death ĞAcrid Death Fragranceğ | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
10.04.2019

 

Visualizzazioni:
266

 

Band:
A Vintage Death
[MetalWave] Invia una email a A Vintage Death [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di A Vintage Death [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di A Vintage Death

 

Titolo:
Acrid Death Fragrance

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Carmine :: All instruments;

 

Genere:
Blackened Death Doom Metal

 

Durata:
22' 16"

 

Formato:
Demo MC

 

Data di Uscita:
09.12.2018

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Particolare questo demo Ep reso dalla one man band A Vintage Death, alle prese con le cinque tracce di “Acrid Death Fragrance” uscite lo scorso dicembre 2018 e risolutive in un concentrato misto tra doom e black metal nel quale, di tanto in tanto, sembra proporsi purtroppo qualche piccola falda sia sul cantato che in qualche nota probabilmente un po’ fuori luogo. L’autore con il suo clean in lingua madre, spesso alternato ad un forzato growl, riesce nel complesso a creare scenari crepuscolari, bui e contemporaneamente riflessivi; i distorti si dispongono in maniera molto semplice al pari delle ritmiche dove di tanto in tanto fanno la loro comparsa anche viole che rendono il tutto ancor più mistico e coinvolgente. La sensazione sopra descritta si ravvisa con la prima traccia “When The Spirit Smell His Corpse” dove un doom lento ma squillante, offre un candido spettacolo tra distorti e quant’altro; segue poi “Gloomy Tombs”, in cui un tagliente riff si dispone su un’andatura appena più dinamica dalla resa soddisfacente; segue poi “Ominous Dream”, altro buon brano dinamico e non ristagnante tirato a dovere ma in parte penalizzato dal growl lasciato un po’ troppo indietro rispetto a tutto il resto; è poi la volta di “Acrid Death Fragance” altro brano tagliente diviso tra distorti e acustici che fungono da intermezzo per poi ristabilizzarsi nuovamente sulle andature d’apertura; infine “Lume”, un brano nuovamente crepuscolare nella resa ma complessivamente soddisfacente nei contenuti. Un Ep che ci presenta un autore necessitante di qualche piccola dose di esperienza in più ma comunque in grado di offrire un quadro compositivo che merita assoluto rispetto.

Track by Track
  1. When The Spirit Smell His Corpse 55
  2. Gloomy Tombs 60
  3. Ominous Dream 65
  4. Acrid Death Fragance 65
  5. Lume 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
64

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 10.04.2019. Articolo letto 266 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.