Wahnsinn «Psicogena» (2019)

Wahnsinn «Psicogena» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Fleshrequiem »

 

Recensione Pubblicata il:
06.04.2019

 

Visualizzazioni:
168

 

Band:
Wahnsinn
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Wahnsinn [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Wahnsinn

 

Titolo:
Psicogena

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Mattia Cazzanello: Guitar
Richard: Bass
Adriano Pagani: Lead Vocals/Percussion
Manuel "Coca" Sartori: Drums
Francesco "Cookie" Castaman: Keyboard/Synth

 

Genere:
Industrial Metal

 

Durata:
41' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
10.01.2019

 

Etichetta:
DeFox Records
[MetalWave] Invia una email a DeFox Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di DeFox Records
Heart of Steel Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Heart of Steel Records
Invincible Records
[MetalWave] Invia una email a Invincible Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Invincible Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Band vicentina alle prese con un industrial metal che a mio parere non spinge più di tanto.
I Wahnsinn e il loro "Psicogena" non paiono prendersi molto sul serio, e non perchè ci sia una canzone dedicata a Bonnie Rotten, ma perchè la loro proposta è a mio parere poco elaborata.
La produzione pecca di eccessi di volume un tantino sproporzionati se consideriamo la componente digitale e l'eccessiva prossimità della voce ma è piacevole tutto sommato.
Stesso non posso dire dal punto di vista compositivo in quanto il riffing oltre ad essere davvero minimale e privo di fantasia non è nemmeno coinvolgente ed efficace al punto da farlo comunque risultar "necessario" per una determinata resa.
Il cantato viaggia dal death all'Oi e non pare influire negativamente sul sound, anzi, forse è una delle parti dei brani che rende tutto più vivo.
In sostanza è un prodotto con grandi potenzialità a mio avviso mal gestite che però li rimangono, facendo si che la proposta in se sia tutt'altro da cestinare.
Francamente mi auguro piacevoli sviluppi poiché nonostante sia un genere che ha tra i capostipiti gruppi come i Rammstein, con cui è identificato il genere stesso, i Wahnsinn hanno un loro stile ed è questo che secondo me alla fin fine fa la differenza.

Track by Track
  1. Gastown 60
  2. Mai piu' 65
  3. Weiss 60
  4. Eden 65
  5. Io Uccido 65
  6. Crimini 70
  7. Bonnie Rotten 60
  8. Once Again 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
65

 

Recensione di Fleshrequiem » pubblicata il 06.04.2019. Articolo letto 168 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.