Paolo Baltaro «Live Phillheads» (2018)

Paolo Baltaro «Live Phillheads» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
11.03.2019

 

Visualizzazioni:
154

 

Band:
Paolo Baltaro
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Paolo Baltaro [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Paolo Baltaro

 

Titolo:
Live Phillheads

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Paolo Baltaro :: Vox
Andrea Beccaro :: Guitars
Daniele Mignone :: Bass
Simone Morandotti :: Drums
Andrea Orru' :: Keyboards

 

Genere:
Prog Rock

 

Durata:
1h 0' 37"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
Musea Records
[MetalWave] Invia una email a Musea Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Musea Records
Universal Music Group
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Universal Music Group

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Mazzarella Press Office
[MetalWave] Invia una email a Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Mazzarella Press Office [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Mazzarella Press Office

 

Recensione

Devo essere sincero: Paolo Baltaro non lo conoscevo per niente, forse per via del fatto che il suo genere musicale (un crocevia tra rock, jazz e prog) è abbastanza distante da ciò che normalmente qui si tratta, ma anche nonostante questo “Live Pillheads” entusiasma, e condensa un’ora di musica in un repertorio che propone un brano inedito (“Brightest moon”), una cover dei Pink Floyd (“Bike”) stravolta, due brani (il terzo e il quarto) riproposti da un suo vecchio gruppo, gli Arcansiel, e restanti brani suoi.
Il risultato, va detto, è emozionante. Specialmente per essere un disco live di una formazione nuova e da rodare. Il punto di forza di questo disco è infatti una estrema genuinità del songwriting, che amalgama le proprie influenze musicali in una maniera ineccepibile, tra up tempos prevalentemente rock dell’opener “Sunny days” al rock con tastiere blues e più strutturato ritmicamente di brani come il secondo, passando per il blues completo di “I don’t mind” e di “Brightest moon” a cui si affiancano notevoli influenze progressive, fino al puro progressive della lunga “Angel of March” o dei due brani di chiusura, finendo per la totale schizofrenia di “Bike”, un brano che comincia easy listening e che si trasforma in un totale pandemonio di influenze musicali tra jazz e prog lasciandoti basito, ma anche incuriosito. Il tutto su di una qualità sonora molto buona e una encomiabile esecuzione tecnica, che rende questo “Live Pillheads” un disco davvero di valore e fatto bene.
In conclusione: a volte gli album live sono solo poco più che un “Best of” dal vivo neanche tanto necessario, ma qui non è così: “Live Pillheads” è un eccellente punto di partenza di come poter scoprire la musica di Paolo Baltaro e delle sue precedenti incarnazioni musicali. Molto consigliabile per i fan di questi generi musicali toccati, ma anche i metalheads più aperti mentalmente potrebbero esserne interessati.

Track by Track
  1. Sunny days 80
  2. You'll never die on me 80
  3. Angel of march 85
  4. Swimmer in the sand 80
  5. I don't mind 80
  6. Brightest moon 80
  7. Bike (Pink Floyd cover) 80
  8. Italian guns 80
  9. Cole and Frankz's birthday party 85
  10. Nowhere street pt.3 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
82

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 11.03.2019. Articolo letto 154 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.