Neversin «The Outside In» (2018)

Neversin «The Outside In» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
25.02.2019

 

Visualizzazioni:
477

 

Band:
Neversin
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Neversin [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Neversin

 

Titolo:
The Outside In

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Ben Moro :: Vocals, guitars
Skench :: Guitars, Backing vocals
Sgana :: Guitars
Albertino :: Drums
Hurt :: Bass

 

Genere:
Prog Rock

 

Durata:
52' 50"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
05.10.2018

 

Etichetta:
Revalve Records
[MetalWave] Invia una email a Revalve Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Revalve Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Revalve Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Grand Sounds PR
[MetalWave] Invia una email a Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Grand Sounds PR [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Grand Sounds PR

 

Recensione

Ottima terza prova discografica per i Neversin da Padova, che costituiscono uno dei migliori esempi di musica progressive ascoltata dagli ultimi tempi dall’Italia, e che condensa la propria musica in quasi 53 minuti di musica ripartiti in 10 tracce più intro e intermezzo.
È piano infatti che si apre questo “The outside in”, con una “The storm is coming” non sopra le righe, ma anzi sfumata eppure dalla struttura della canzone aperta, ma sin dalla seconda vera canzone il songwriting si rivela sempre più agile e capace nonché più diretto, che mescola alla perfezione alcuni tecnicismi con la fruibilità delle composizioni, finendo per eccellere nella parte centrale, composta da una “Rain” lenta ma molto potente e maestosa, e da una “B.OY. (Because of you), che riesce ad essere anche più easy listening e a proporsi come ottimo ipotetico primo singolo, il tutto mentre voce e assoli la fanno da padroni in quest’album, cesellando le loro partiture e dando quella giusta marcia in più ai brani. E se da qui in poi si ritorna un po’ sui lidi compositivi battuti dal brano d’apertura, sono gli ultimi due brani a regalarci un altro highlight dell’album, con una “The main sequence” che consiste in una cavalcata a metà tra rock e metal, e che fluisce perfettamente nella conclusiva “Collapse”, melodica e raggiante come buona parte delle atmosfere di quest’album, che davvero ti convince per la scorrevolezza del sound e per il mood disteso e senza troppa tensione.
In conclusione, “The Outside In” è un gran bel disco, frutto di una band matura a livello di sound e che ci ha decisamente stupito. Se siete fanatici del prog dateci retta: oltre all’ultimo dei Dream Theater fatevi un altro regalo.

Track by Track
  1. When darkness falls - Intro S.V.
  2. A storm is coming 75
  3. Rage #2 80
  4. Life preserved 80
  5. Rain 85
  6. B.O.Y. (Because of you) 85
  7. Light of the west - Intermezzo S.V.
  8. Evenstar 80
  9. Cosmic stroll in C# - The symphony of light - movement I 75
  10. Light the universe - The symphony of light - movement II 80
  11. The main sequence - The symphony of light - movement III 85
  12. Collapse - The symphony of light - movement IV 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 25.02.2019. Articolo letto 477 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.