Gerda «Black Queer» (2018)

Gerda «Black Queer» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Led »

 

Recensione Pubblicata il:
20.02.2019

 

Visualizzazioni:
260

 

Band:
Gerda
[MetalWave] Invia una email a Gerda [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Gerda [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Gerda

 

Titolo:
Black Queer

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Alessandro Turcio
Alessio Compagnucci
Andrea Pasqualini
Roberto Vilotta

 

Genere:
Noise / Punk

 

Durata:
41' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Anubi Press
[MetalWave] Invia una email a Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Anubi Press

 

Recensione

Bravi, originali, con un sound che esce decisamente fuori dai canoni commerciali cosa che a noi piace tanto, andando a proporre soluzioni musicali per niente scontate ma che anzi regalano spunti di notevole spessore tecnico e compositivo. Stiamo parlando dei Gerda che tornano con il loro quinto album "Black Queer". I quattro ragazzi di Jesi suonano un notevole noise / shoegaze / post-all, riuscendo a proporre vari scenari musicali dalla profonda e oscura intro fino ad un situazione più cruda e aggressiva che è poi la linea principale scelta dalla band.
A dare il colpo di grazia per questo lavoro ben riuscito è la voce incazzosa che conferisce ancora più ruvidità a tutto il viaggio della durata di quaranta minuti circa.
Un caos ben studiato a tavolino che non fà sconti a nessuno per buona parte dell'album con le tracce "Mare", "Terzo Regno", e che poi vede uno spiraglio più "leggero" e melodico con la traccia "Hafenklang", dove una chitarra pulita si sovrappone ad una sezione ritmica scura e corposa. Il caos di "Black Queer" si fà ancora più intenso con le due tracce che chiudono il cd "Figlia" e "Theme", la cui voce ridondante è sicuramente la ciliegina sulla torta per questo prodotto.
Non conoscevo i lavori precedenti, ma "Black Queer" mi basta per affermare con certezza che i Gerda sono una band da seguire e questo loro album lo consiglio a quelli che amano il genere.

Track by Track
  1. Jeg kjorer inn i tunellen 50
  2. Lulea, TX 60
  3. Mare 60
  4. Terzo Regno 60
  5. Notte 65
  6. Hafenklang 70
  7. Figlia 65
  8. Theme 65
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
64

 

Recensione di Led » pubblicata il 20.02.2019. Articolo letto 260 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.