Il Malpertugio «Songs of Hope and Hatred» (2018)

Il Malpertugio «Songs Of Hope And Hatred» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
09.02.2019

 

Visualizzazioni:
399

 

Band:
Il Malpertugio
[MetalWave] Invia una email a Il Malpertugio [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Il Malpertugio [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Il Malpertugio [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Il Malpertugio

 

Titolo:
Songs of Hope and Hatred

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Ivan Gojira :: Vocals;
- Antonio Zannone :: Guitars, Synth;
- Emiliano Cuoco :: Bass;
- Alberto Nardone :: Bass;
- Gianluca Zannone :: Drums;

 

Genere:
Stoner Metal

 

Durata:
26' 38"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Uscito ormai da qualche mesi è questo Ep dei casertani Il Malpertugio, band stoner rock che si cimenta in cinque tracce pressate su “Songs Of Hope And Hatred” offrendo un quadro compositivo dagli esiti complessivamente apprezzabili. L’effetto che la band offre è in sostanza molto psichedelico, quasi alternative, se vogliamo, proponendo un sound semplice ma con qualche richiamo anche doom; anche in considerazione delle sonorità utilizzate dalla band, ciò che nuoce un po’ al disco è una produzione non proprio eccelsa i cui contenuti tendono un po’ a renderne difficoltoso l’ascolto. Discreta è la proposta del clean e nel complesso le ritmiche anche se in alcuni casi paiono un po’ troppo fossilizzate in se stesse senza offrire troppi spunti creativi. Interessante è “I’M The Black Blues” traccia d’apertura dell’Ep, in grado di proporci in sostanza la forza della band; ritmiche nel complesso propositive non scevre di passaggi anche più doom danno un iniziale quanto piacevole risultato forte anche del buon ritornello cantato; è poi la volta di “Undone 7/8” un brano che, anche se lievemente meno intenso, tende a spegnere i fomenti iniziali per incentrarsi maggiormente su un sound arido e appena psichedelico; “Meat Legion” apre con un riff corazzato in grado di sprigionare una ritmica viva e divertente purtroppo penalizzata dalla resa produttiva; si prosegue con “The Return” molto lento nei contenuti e poco accattivante se non per l’espressività del clean; “Song Of Hope And Hatred” chiude l’Ep offrendo un brano nuovamente lento molto concentrato su effetti sonori e contesti psichedelici dai contenuti semplici. L’Ep nel complesso si presenta apprezzabile nei contenuti purtroppo però, come sopra già accennato, in parte penalizzati in una produzione da perfezionale.

Track by Track
  1. I Am The Black Blues 70
  2. Undone 7/8 60
  3. Meat Legion 70
  4. The Return 65
  5. Song Of Hope And Hatred 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 55
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
66

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 09.02.2019. Articolo letto 399 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.