Abscendent «Deliverance» (2018)

Abscendent «Deliverance» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Led »

 

Recensione Pubblicata il:
02.02.2019

 

Visualizzazioni:
192

 

Band:
Abscendent
[MetalWave] Invia una email a Abscendent [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Abscendent [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Abscendent [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Abscendent

 

Titolo:
Deliverance

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Gabriele "Arch" Vellucci: Guitar - Vocals
Luca Riccardelli: Bass
Davide Tomadini: Drums

 

Genere:
Death / Thrash Metal

 

Durata:
37' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
12.10.2018

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Gli Abscendent sono un Gruppo Thrash/Death con base a Fondi (LT) che pubblica il secondo lavoro dal titolo "Deliverance". L'album segue il debutto per Revalve Records nel Marzo del 2016 "Decaying Human Condition ".
Questo secondo disco presenta un sound rinnovato ed uno stile più progressive e tecnico che rimanda all’ultimo periodo dei Death, matenendo gli aspetti più diretti e d’impatto del thrash del disco precedente.
Le sei tracce che compongono l'album sono un fiume in piena di energia e velocità condita da una precisione svizzera che denota la buona tecnica di ogni singolo musicista che riesce a mettere insieme un album bello e trascinante.
Riff che graffiano l'atmosfera già dalla Open Track "Torment" vanno a introdurre tecnicismi più complessi e di alta scuola che fanno del ritmo di Unbound piacevolmente irregolare.
Il ritmo si fà sempre più incalzante e frenetico con Reign of Depravity dove chitarra e batteria fraeggiano all'unisono ben sostenuti da una linea vocale aggressiva che rende ancora più corposo il disco.
Innesti più melodici che alleggeriscono l'impatto sonoro devastante si possono apprezzare nella seconda parte di "Deliverance" con i brani "Utopia" e la traccia di chiusura "Oblivion".
Buona seconda prova per il trio di Fondi che dimostra ancora una volta come il panorama italiano underground sia ricco di talenti.

Track by Track
  1. Toment 70
  2. Unbound 70
  3. Reign Of Depravity 65
  4. Utopia 70
  5. Atrocity Incarnated 70
  6. Oblivion 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 65
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Led » pubblicata il 02.02.2019. Articolo letto 192 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.