Eleim «Freak» (2018)

Eleim «Freak» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Fleshrequiem »

 

Recensione Pubblicata il:
22.01.2019

 

Visualizzazioni:
130

 

Band:
Eleim
[MetalWave] Invia una email a Eleim [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Eleim

 

Titolo:
Freak

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Joe Eleim - Voce
Niko wylde - Chitarra
Taralane - Basso
Damian Pierucci - Batteria

 

Genere:
Thrash / Melodic Deathcore

 

Durata:
45' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
Nadir Music
[MetalWave] Invia una email a Nadir Music [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nadir Music
Buil2kill Records
[MetalWave] Invia una email a Buil2kill Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Buil2kill Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Buil2kill Records

 

Distribuzione:
Audioglobe
[MetalWave] Invia una email a Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Audioglobe [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Audioglobe
Plastic Head
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Plastic Head [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Plastic Head
Believe Digital
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Believe Digital

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Fa sempre piacere ascoltare sound del passato rinnovati come fosse qualcosa di totalmente nuovo.
Gli Eleim è uno dei gruppi facenti parte di una nuova generazione di thrash metal che non solo riesce appunto a proporre un genere pilastro riadattato alla contemporaneità ma lo fà anche distaccandosi in maniera più che positiva dal vecchio Hype del 2012 (se non erro) che, pur essendo a mio avviso un buon album, è molto ma molto meno maturo di "Freak" che invece gode di un'eccellente produzione ed un songwriting di tutto rispetto. Non è un capolavoro di originalità in quanto l'affinità con le sonorità di molti dei loro colleghi d'oltre oceano è tangibile ma ad esempio l'impronta vocale contribuisce non poco al rafforzamento di una propria identità, anche perché il cantato è in italiano. E' vero, nel complesso la scelta dei suoni è tra quelle molto battute ma è intelligentemente sfruttata su una composizione variegata, che non annoia ma al contrario incuriosisce. E' bello constatare come questi ragazzi abbiano voluto buttar giù un album con una tavolozza di colori bella grossa che esprime molte personalità con mood che spaziano da quelli coinvolgenti alla "I nuovi mostri" ai più sensibili di "Piccolo Mio" o "A Cuore Aperto"; degno di gran nota anche il bellissimo esperimento di Edward Mordrake con la sua combo di assoli e parti recitate.
Un bel modo di fare musica, consapevole, per nulla nostalgico e d'impatto; un modo di fare musica che merita a mio avviso una piena promozione ed un pieno supporto che raccomando a tutti gli amanti del trash/groove in ogni sua sfaccettatura e del death più odierno.

Track by Track
  1. I Nuovi Mostri 75
  2. Fate di Confine 75
  3. Erotica 75
  4. Ali Di Carta 75
  5. Piccolo Mio 85
  6. Mari 75
  7. Danza Macabra 75
  8. Marrick 80
  9. A Cuore Aperto 80
  10. Edward Mordrake 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Fleshrequiem » pubblicata il 22.01.2019. Articolo letto 130 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.