The Scars In Pneuma «The Path Of Seven Sorrows» (2019)

The Scars In Pneuma «The Path Of Seven Sorrows» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
20.01.2019

 

Visualizzazioni:
269

 

Band:
The Scars In Pneuma
[MetalWave] Invia una email a The Scars In Pneuma [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Scars In Pneuma

 

Titolo:
The Path Of Seven Sorrows

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Lorenzo Marchello :: vocals, guitars, bass;
- Francesco Lupi :: guitars, keyboards;
- Daniele Valseriati :: drums;

 

Genere:
Epic / Melodic Black Metal

 

Durata:
38' 14"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
08.02.2019

 

Etichetta:
Promethean Fire
[MetalWave] Invia una email a Promethean Fire [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Promethean Fire
Kolony Records
[MetalWave] Invia una email a Kolony Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Kolony Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Kolony Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Kolony Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Kolony Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Anubi Press
[MetalWave] Invia una email a Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Anubi Press [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Anubi Press

 

Recensione

Particolarmente avvincente quanto magnetico è questo “The Path Of Seven Sorrow” degli esordienti The Scars In Pneuma, nuova realtà nel panorama del black metal melodico nazionale il cui stile va anche a racchiudere death metal oltre a riff dal sapore melodico e numerosi passaggi di matrice epica. Il disco, che richiama con l’artcover l’opera dell’artista Francisco Goya, si compone di sette tracce, si caratterizza per le splendide melodie generate da sorprendenti andature black metal dal sapore intenso e dalla particolarità nella struttura all’interno della quale sono assenti le classiche sonorità spigolose e con riff ronzanti. Immancabili momenti oscuri la fanno da padrone nel corso dell’ascolto offrendo andature melodiche alternate tra moderazione con altre maggiormente spinte. Il caldo clean fa indubbiamente la sua figura miscelandosi al meglio nel complesso quanto particolare vortice ritmico di nota matrice black. Il disco in ogni caso meraviglia non poco per lo scenario realizzato, ben concepito sotto quello che è il profilo della creatività ma anche dell’immancabile oscurità dalla quale emerge forse anche il lato più cattivo di questa band. Le tracce si susseguono l’una dopo l’altra offrendo passaggi particolarmente emozionanti come il caso di “Soul Are Burning”, i cui contenuti rievocano al meglio il senso e la personalità della band all’interno delle melodie, oscure e ottimamente accattivanti; l’apertura acustica di “All The Secrets That We Keep” dimostra l’innata creatività del combo che non lascia spazi a sarcasmo o a commenti inutili catturando l’ascoltatore nelle proprie oscure maglie ricche di pathos ma anche in questo specifico caso di richiami più epici; anche la splendida nonché conclusiva “Constellation” ipnotizza su un’andatura strumentale acustica l’ascoltatore nella propria oscura melodia in cui compare, questa volta, un accennato corale femminile. Un disco diverso dal comune, ottimamente concepito dal primo all’ultimo brano, da avere a tutti i costi.

Track by Track
  1. Devotion 80
  2. Souls Are Burning 80
  3. Spark To Fire To Sun 85
  4. All The Secrets That We Keep 80
  5. Dark Horizons Ahead 80
  6. The Glorious Empire Of Sand 85
  7. Constellation 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
83

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 20.01.2019. Articolo letto 269 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.