Hence «Hence» (2018)

Hence «Hence» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
14.01.2019

 

Visualizzazioni:
229

 

Band:
Hence
[MetalWave] Invia una email a Hence [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Hence

 

Titolo:
Hence

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Edoardo Vandelli :: Lead Vocals, Keyboards, Synth
Filippo Bonacini :: Guitar and Backing Volcals
Matteo Iotti :: Bass Guitar and Backing Volcals
Francesco Giro :: Drums and Pads

 

Genere:
Alternative Rock

 

Durata:
24' 7"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
21.09.2018

 

Etichetta:
Volcano Records
[MetalWave] Invia una email a Volcano Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Volcano Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Alpha Omega Management
[MetalWave] Invia una email a Alpha Omega Management [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Alpha Omega Management [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Alpha Omega Management

 

Recensione

Ed eccolo qua il fulmine a ciel sereno, il disco Indie Post/rock che non ti aspetti e che pur essendo solo un Ep di 24 minuti costituisce uno degli ascolti migliori da un po’ di tempo a questa parte in questo genere musicale. Hence è infatti uno dei gruppi post sempre più rari che riesce a fare ciò che tanti epigoni in questo genere non sanno fare: regalarci emozioni che non siano solo nascoste in introspezioni musicali che nascondono la sostanza tra effetti dei pedali e forme canzoni sbilenche.
L’atmosfera che prevale, infatti, è quella tersa in questo Ep e che va in maggiore nell’opener, un brano che pur non rifuggendo assolutamente dalle caratteristiche dei generi suddetti riesce comunque a brillare di emozioni, a generare un certo trasporto, nonché ad aprirsi anche nella conclusione, rendendo il brano molto comunicativo e d’effetto. La stessa cosa avviene per i brani successivi, ma con bene accette variazioni sul tema, come un feeling mai troppo sopra le righe della seconda canzone, le incursioni di tastiera nella terza e la parentesi electro della quarta, che costituisce un episodio all’interno di un brano che comunque sa essere corale ma anche con un mood ipnotico. Il tutto per un risultato ineccepibile, semmai che va a diventare un po’ vago e meno riuscito nella canzone conclusiva.
Ma nonostante la battuta a vuoto dell’ultimo brano, il debut autointitolato di Hence è e rimane tra le migliori uscite discografiche ascoltate in questo genere. Ben fatto, e avanti con la prossima release discografica!

Track by Track
  1. From a star to another one 80
  2. I've been looking inside of me 80
  3. Letters from the end of the world 80
  4. Castaway 80
  5. Untitled 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 14.01.2019. Articolo letto 229 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.