Ruxt «Back to the Origins» (2019)

Ruxt «Back To The Origins» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
06.01.2019

 

Visualizzazioni:
226

 

Band:
Ruxt
[MetalWave] Invia una email a Ruxt [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ruxt [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Ruxt

 

Titolo:
Back to the Origins

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Matt Bernardi :: Vocals;
- Stefano Galleano :: Guitars;
- Andrea Raffaele :: Guitars;
- Steve Vawamas :: Bass;
- Alessandro Fanelli :: Drums;

 

Genere:
Hard Rock / Heavy Metal

 

Durata:
59' 43"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2019

 

Etichetta:
Diamonds Prod
[MetalWave] Invia una email a Diamonds Prod [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Diamonds Prod

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Nadir Promotion
[MetalWave] Invia una email a Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nadir Promotion [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nadir Promotion

 

Recensione

Formatisi solamente nel 2016 i Ruxt, progetto nato da soli tre anni da membri già in passato militanti in altre band, rilasciano oggi questo Back To The Origins”, terzo lavoro della loro carriera incentrato su rock melodico e hard rock, un po’ alla Whitesnake, che non si discosta particolarmente dall’ultimo lavoro rilasciato nel 2017. I disco ci propone, attraverso le proprie influenze, un rock a cui la band appone il proprio marchio di fabbrica, calibrato e preciso come in pochi sanno fare; il combo riesce nel corso dell’ascolto di questi undici brani, a rendere in sostanza l’idea di come vada sparato questo genere tra volume alto, riff ed andature in assetto hard heavy miscelate a quel pizzico di fantasia in più necessario a fare colpo e che non è proprio di molte band attualmente in circolazione. A rendere ancor più particolare ed attraente il lavoro è anche lo splendido clean vocale che si avvicina molto allo stile di quello appartenuto a Dio e attualmente a Jorn Lande e di cui ne avevamo già avuto comunque prova nel corso delle precedenti uscite. I brani come si accennava, scorrono molto bene grazie anche alla fantasia che le contraddistingue oltre che per la totale assegna di ripetizioni o di stalli che ne potrebbero renderne noioso l’ascolto. Tracce come la fiammeggiante “Here and Now” in apertura e la successiva “I Will Find a Way” , un classico melodico rock fanno sin da subito breccia lasciando intendere con quale genere l’ascoltatore di lì a poco avrà a che fare. Veloce e divertente è anche “All You Got” una prova in puro stile Hard Rock Heavy molto vicina ai brani più classici di Jorn. Classico hard rock di matrice più melodica è “Train Of Life”, brano lento e moderato che anticipa la ballad di “Another Day Without Your Soul”; è poi la volta di “Come Back To Life” altro caratteristico hard rock, moderato, ma dall’impatto inevitabile per potenza sprigionata dal sound; interessante è anche “Tonite We Dine In Hell” all’interno della quale non mancano alcuni apporti in synth caratterizzanti ulteriormente la miscela esplosiva della band; si chiude con “Back To The Origins” che abbellisce nuovamente il contenuto di questo lavoro per la presa rilasciata sull’ascoltatore oltre che per l’indiscussa capacità di sapersi proporre con un prodotto di livello che non potrà che non affascinare i cultori di questo genere.

Track by Track
  1. Here and now 80
  2. I will find a way 75
  3. All you got 70
  4. River of love 75
  5. Be what you are 75
  6. Train of life 70
  7. Another day without your soul 70
  8. Come back to life 75
  9. Remember the promise you made 75
  10. Tonite we dine in hell 75
  11. Back to the origins 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 06.01.2019. Articolo letto 226 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.