Katiusha «Diverticoli» (2018)

Katiusha «Diverticoli» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
16.12.2018

 

Visualizzazioni:
252

 

Band:
Katiusha
[MetalWave] Invia una email a Katiusha [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Katiusha [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Katiusha [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Katiusha

 

Titolo:
Diverticoli

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Gyada Bazurro :: voce;
- Giorgio Barroccu :: chitarra;
- Alessandro Biagiotti :: batteria;
- Antonio De Fusco :: basso;

 

Genere:
Alternative Rock / Post Punk

 

Durata:
15' 8"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2018

 

Etichetta:
Overdub Recordings
[MetalWave] Invia una email a Overdub Recordings [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Overdub Recordings [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Overdub Recordings

 

Distribuzione:
Code7 Distribution
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Code7 Distribution
Plastic Head
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Plastic Head [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Plastic Head

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Nati a Genova nel 2013 i Katiusha, band post punk, alternative rock, è oggi alle prese con questo Ep “Diverticoli”, già preceduto da un demo nel 2016, all’interno del quale la band offre nei quattro brani proposti tutto il malessere interiore che si annida e scava dentro di noi tramite le varie emozioni che vengono comunque offuscate dalla routine quotidiana. Musicalmente la band tende a proporsi tra punk e assetti appena più ipnotici pur mantenendosi sempre nella classica musica alternative. Suoni distorti, ritmiche non impegnative e brani rigorosamente in lingua madre cantati da una non poco espressiva voce femminile, fanno riecheggiare nell’aria le note di band quasi a ricordarci i primi Verdena e via discorrendo catapultandoci ovviamente ai tempi più moderni. Tra i quattro brani “Levati” è forse quello che tende a offrire un maggior impatto con l’ascoltatore per le sonorità e il contesti in sé; non mancano momenti quasi più oscuri “Penelope” sino a ripercuotersi al conclusivo “Creato con Cura” nella cui seconda parte la band tende anche ad accelerare appena l’intensità ritmica dei tre precedenti ascolti. L’Ep rientra pienamente nella categoria musicale descritta mettendosi in evidenza soprattutto per la grinta della cantante e rimanendo però non troppo evidente per tecnica e volumi.

Track by Track
  1. Levati 65
  2. Dove Finisce Lei 65
  3. Penelope 70
  4. Creato Con Cura 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
69

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 16.12.2018. Articolo letto 252 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.